Home > Recensioni > L’Uomo Fiammifero
  • L’Uomo Fiammifero

    Diretto da Marco Chiarini

    Data di uscita: 19-02-2010

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Preziosa fiaba naif

Il piccolo Simone ha undici anni ed un’immaginazione irrefrenabile. Vive in campagna con un padre-orco che lo tiene letteralmente legato a sé per impedirgli di scappare alla ricerca dell’Uomo Fiammifero, “la cui fiaccola è fatta con la coda delle stelle cadenti”. È stata la mamma a liberare la sua fantasia raccontandogli la storia dell’Uomo Fiammifero ed insegnandogli a cercare nel bosco le tracce del suo passaggio.

Quando conosce Lorenza, Simone trova una nuova inseparabile compagna di avventure. Non resta che eludere la sorveglianza paterna, sconfiggere Rubino, insopportabile bulletto “padrone di tutte le terre emerse” e, assieme ai suoi amici immaginari, appostarsi in attesa dell’arrivo del Sovrano di questo regno fantastico.

OneLouder

Bellissimo tuffo nella fantasia più sfrenata quest’esordio volutamente naif di Marco Chiarini. Attraverso un accuratissimo lavoro di post-produzione e un brillante ricorso all’animazione a passo uno, Chiarini riesce a trasformare i limiti tecnici e produttivi in qualità, recuperando il senso di gioco e l’assoluta libertà propri dell’infanzia.
Raffinatissima è la capacità di creare una mitologia fiabesca, fatta di luoghi e personaggi originali e sorprendenti. Il risultato è prezioso: un’opera ricca di invenzioni, deliziosa ed evocativa, poetica e commovente. Per i più piccoli e per tutti i grandi che non hanno paura di ritrovare il fanciullo interiore.

Pro

Contro

Scroll To Top