Home > Recensioni > La Dolce Ala Della Giovinezza

I sogni infranti di Chance

Dopo aver lasciato la fidanzata per cercare fortuna nello spettacolo, Chance Wayne torna in Florida come gigolò di Alexandra del Lago, attrice alcolizzata da cui spera di ottenere l’occasione necessaria per entrare nel mondo del cinema. Giunto in città, cerca di riconquistare l’amore di Heavenly, ma è nuovamente osteggiato dalla famiglia di lei: sia il padre, un prepotente boss locale, che il fratello, non gli perdonano di averla messa incinta e costretta ad abortire, ed hanno in serbo una vendetta atroce.

Rispetto ad altri adattamenti da opere di Tennessee Williams, la riduzione di Richard Brooks punta sulla semplificazione del testo originale, mai tanto complesso e ridondante, e su una messinscena pulita che risulta spesso legnosa e statica. Williams intreccia sessuofobia sudista e corruzione, fallimento ed elegia della giovinezza, e tramite il personaggio della diva sul viale del tramonto traccia un impietoso ritratto di Hollywood, macchina infernale che macina vite e sogni alla velocità della luce.

Nei duetti tra Page e Newman, magnifici protagonisti anche a teatro, e nella sottile delineazione del loro rapporto mercenario, il film vola alto: “Vieni qui accanto a me e prova a farmi credere che siamo una coppia di giovani amanti senza alcuna vergogna”, sussurra lascivamente la diva in declino. Ancora una volta, è attraverso una nevrotica figura femminile che Williams narrativizza e sublima un desiderio che sente colpevole: “Ho solo un mezzo per scordare le cose che non voglio rammentare: fare l’amore, è la sola, positiva distrazione”. E Paul Newman, inquadrato a torso nudo come Brando in “Un Tram Che Si Chiama Desiderio”, si dà all’occhio desiderante della macchina da presa e di Geraldine Page come sfolgorante oggetto (omo)sessuale.

Scorrendo la lista dei tagli e delle modifiche rispetto al testo teatrale, il film acquista in profondità e valenza storiografica: la censura impose non solo il lieto fine, ma di alleggerire le crude implicazioni sessuali della pièce. La malattia venerea che Chance trasmette alla fidanzata diventa così un aborto e il pestaggio di Chance termina con uno sfregio sul volto, mentre in origine il giovane veniva brutalmente castrato dal fratello di Heavenly e dai suoi scagnozzi.

Scroll To Top