Home > Recensioni > La Patente

Correlati

Al volante

Una settimana nelle vite confusionarie di Rolando (Andrea De Bruyn) e Sergio (Ernesto De Stefano), trentenni un po’ cialtroni che si trovano a capo di una scuola guida proprio nei giorni che precedono gli esami. Tra tragicomiche lezioni di pratica e teoria, le avventure professionali e soprattutto sentimentali degli allievi si intrecciano con quelle degli improbabili istruttori.

La patente” è l’opera prima dal budget ridottissimo di Alessandro Palazzi e sarà in programmazione al Nuovo Cinema Aquila di Roma dal 27 al 30 agosto alla presenza del regista.

OneLouder

Simpatico, a tratti divertente, certamente ambizioso, “La patente” ha dalla sua parte una bella intuizione (l’ambientazione in una scuola guida) e una gradevole freschezza d’approccio. Palazzi vuole raccontare con leggerezza i dubbi e i drammi inespressi che le persone di ogni età si portano dentro. La costruzione corale è volutamente frammentaria ma l’ansia di mettere in piedi troppe situazioni a tutti i costi buffe o esemplari rischia di macchiare di superficialità vicende e personaggi. Gli interpreti si impegnano ma la recitazione manca di precisione e il ritmo, essenziale in una commedia, spesso ne risente.

Pro

Contro

Scroll To Top