Home > Recensioni > Le Avventure Di Tintin – Il Segreto Dell’unicorno
  • Le Avventure Di Tintin – Il Segreto Dell’unicorno

    Diretto da Steven Spielberg

    Data di uscita: 28-10-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Il tesoro è servito

Da un fumetto dal segno pulito, quasi essenziale, a un lungometraggio visivamente ricchissimo – altresì arricchito da un 3D spesso spettacolare – e dalle atmosfere a dir poco rocambolesche. Steven Spielberg estrae dalla sua memoria infantile tutte le emozioni vissute leggendo le vignette del fumettista belga Hergé e ne crea uno spettacolo contemporaneo.

Tintin, giovanissimo reporter pel di carota, sempre accompagnato dal fido compagno a quattro zampe Milù, questa volta (anche se è il primo film di una ipotetica serie, già è chiaro che le avventure di Tintin non hanno né inizio né fine) si ritrova sulle tracce del modellino di una nave che contiene un segreto: forse gli indizi per trovare un tesoro. Contro di lui, un perfidissimo Sakharine.

Basato sui tre album originali “Il Granchio D’Oro”, “Il Segreto Del Liocorno” e “Il Tesoro Di Rakham Il Rosso”.

OneLouder

Spielberg ci fa tornare bambini, sia che fossimo lettori di Tintin sia che no. Gioia per gli occhi, a partire dagli squisiti titoli di apertura, “Le Avventure Di Tintin” – proiettato al Festival del Film di Roma e da oggi nei cinema – è curato in ogni minimo particolare: dalla colonna sonora ai cambi di scena, mai scontati e a volte genialmente fantasiosi.
Ritmo sempre serratissimo, ottima caratterizzazione dei personaggi, riesce anche a non scadere nei cliché dei film d’azione pur essendolo al cento per cento.
Insomma, qualcuno l’ha definito l’evento cinematografico dell’anno: una definizione che sembra meritarsi appieno. Assolutamente da non perdere.

Pro

Contro

Scroll To Top