Home > Recensioni > Le Mie Grosse Grasse Vacanze Greche
  • Le Mie Grosse Grasse Vacanze Greche

    Diretto da Donald Petrie

    Data di uscita: 09-10-2009

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

I miei grossi grassi stereotipi greci

Georgia è una ragazza americana, esperta di storia della Grecia, trasferitasi nella suddetta Ellade per assecondare le sue passioni. Lavora come accompagnatrice turistica, è vessata dal capo, torturata dal collega Niko, costretta a guidare comitive di americani idioti, australiani ubriaconi, spagnole maiale.
Georgia, insomma, vive nel regno dello stereotipo; sarà una vacanza più assurda delle altre a farla desistere dall’idea di licenziarsi e tornare in America. Tale vacanza, infatti, le farà conoscere l’amore nella figura dell’irsuto Procopio, autista del suo tour bus, oltre a illuminarla sui valori importanti della vita.

Avete già capito tutto: “Le Mie Grosse Grasse Vacanze Greche” è un pallido tentativo di ripetere il successo di “Il Mio Grosso Grasso Matrimonio Greco”, sfruttando la popolarità di Nia Vardalos, gli splendidi paesaggi greci e molte banalità assortite su turismo e cultura. Impossibile non rimanere offesi di fronte alle macchiette che Donald Petrie ci presenta: i greci svogliati, la ragazzina musona, il ciccione della Florida. Facile restare agghiacciati dal messaggio di fondo: si fotta la cultura, portiamo i turisti a fare shopping e in spiaggia e si divertiranno come pazzi! Tanto io ho trovato l’amore.

“Le Mie Grosse Grasse Vacanze Greche” sarebbe addirittura un film insultante, se non fosse per qualche gag divertente e per gli splendidi paesaggi greci. Resta comunque un’operazione molto squallida, poco incisiva e, nel complesso, mediocre.

OneLouder

Avete apprezzato l’antiestetica e grottesca commedia “Il Mio Grosso Grasso Matrimonio Greco”? Ebbene, questo film non c’entra nulla. Andatelo a spiegare ai traduttori italiani, magari, che per l’ennesima volta si sono inventati una traduzione fantasiosa e fuorviante. Forse servirà a portare più gente nei cinema, di certo non farà del bene al cinema.

Pro

Contro

Scroll To Top