Home > Recensioni > Legion

Oh My God

A Hollywood devono scarseggiare gli eroi. Dopo aver saccheggiato tutte le saghe dei fumetti e i romanzi fantasy, evidentemente non c’è rimasto che rivolgersi ai piani alti. E “Legion”, come il recente “Codice: Genesi”, scomoda proprio le massime sfere. L’Apocalisse in agguato, un novello Messia da proteggere e gli Arcangeli Michele e Gabriele che se le suonano di “santa” ragione sono alcuni ingredienti di questo delirio action-splatter-biblico, che mescola atmosfere da horror catastrofico con quelle da film d’assedio stile “Distretto 13: Le Brigate Della Morte”.

OneLouder

Prendere nota: una vecchina indemoniata arrampicamuri, un omino dei gelati zombie-contorsionista e un angelo che mena di ramazza e schiva proiettili con le ali sono degli ottimi punti a favore del tuo film, purché tu voglia risultare ironico. Ma gli esordienti Scott Steward e Peter Schink sbrodolano pure un predicozzo sul potere della fede e sull’unità della famiglia. Perdonateli, perché non sanno ciò che fanno.

Pro

Contro

Scroll To Top