Home > Recensioni > Letters To Juliet

Gli italiani, questi romantici!

Scrivere lettere a Giulietta per chiederle consiglio in materia di disastri amorosi, per poi ricevere risposte scritte da un team di cosiddette “segretarie di Giulietta” al soldo del Comune di Verona. È questo lo scenario della nuova commedia romantica della Summit Entertainment, che mette in scena un cast internazionale, comprendente anche un nutrito gruppo di attrici e attori italiani: Milena Vukotic, Marina Massironi e Franco Nero. Grazie a tutto questo, una storia interrottasi in gioventù potrà riprendere quando ormai i due protagonisti hanno superato da un pezzo la sessantina, e un’altra storia – ancora sul nascere – subirà una svolta inaspettata.

OneLouder

Sapevate che gli italiani erano un popolo di romantici e di persone sempre cordiali, e soprattutto in grado di parlare in inglese con gli stranieri? Davvero poco credibile il dipinto che ne fa “Letters to Juliet”, anche se per noi probabilmente è il tocco di colore che salva le sorti di questo film, una favola contemporanea che cola miele da tutte le parti. Odiosa la protagonista femminile, la classica bambolina Barbie-style, mentre sul fronte maschile ci si salva con la simpatia e il carisma di Gael Garcia Bernal. In una parola: melenso.

Pro

Contro

Scroll To Top