Home > Recensioni > Magari Le Cose Cambiano
  • Magari Le Cose Cambiano

    Diretto da Andrea Segrè

    Data di uscita: 26-02-2010

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Il vuoto della periferia

La periferia romana nata dalla speculazione edilizia, degrado urbanistico che diventa sociale. Due romane, due generazioni: Neda, la memoria delle vecchie borgate che spariscono, un’edilizia che fagocita gli ampi spazi e l’orizzonte. Sara, le incertezze del futuro, la vita in un quartiere degradato, l’autosegregazione emotiva prima che spaziale. Un fatalismo a diciott’anni che incontra le rievocazioni del mondo scomparso che Neda, romana verace, può solo raccontarci.
Sara è segno di un’umanità interrazziale: la discriminazione sfuma in un senso di comunanza cementato dalla comune povertà. Neda a cinquant’anni “deportata” in un altro quartiere, costretta a rifarsi una vita, amici, vicini. Strappata dal proprio microcosmo, senza radici, solo per avere una casa. E come lei altri che pure ringraziano il cielo perché ora, hanno una casa.

OneLouder

Le persone si raccontano senza che il cinema falsifichi, il legame d’empatia con lo spettatore nasce senza artifici. Cinema civile e sentimentale, che trae la sua denuncia dal pedinamento della camera a mano, supportata dalla fotografia di Luca Bigazzi che con umiltà restituisce lo scenario nella forma-luce più realistica possibile.

Pro

Contro

Scroll To Top