Home > Recensioni > Matrimonio A Parigi

Ti piace la Tour Eiffel?

E anche quest’anno non poteva mancare sulle nostre tavole imbandite il consueto cinepanettone targato Massimo Boldi che, con il nuovo “Matrimonio A Parigi“, porta ormai a cinque il numero dei film natalizi orfani dello storico compagno di merende Christian De Sica.

Lorenzo ed Elvira sono una coppia di ricchi lombardi evasori che, diretti a Parigi per assistere alla cerimonia di diploma del figlio, si imbattono in Gennaro, un ufficiale della Guardia di Finanza che li tallonerà per tutto il viaggio, e sua moglie Costanza. Da questo incontro nasceranno una serie di gag e situazioni tipiche delle commedia degli equivoci, condite dalle immancabili dosi di umorismo pecoreccio.

OneLouder

Gli ingredienti per un cinepanettone doc ci sono tutti: dagli “oh cielo, mia moglie” alle mammelle femminili bene in mostra, fino alle irrinunciabili punte d’aereo nell’ano; il tutto naturalmente ritmato dal tormentone musicale del momento.

Il tema sociale, molto caldo in questo periodo, dell’evasione fiscale è però affrontato con fin troppa leggerezza e con quello spirito guascone del volemose bene che non porta ad alcuna riflessione, se non a risate sguaiate e fini a se stesse.

Pro

Contro

Scroll To Top