Home > Recensioni > Negli Occhi

Nel nome del padre

“Negli Occhi”, documentario prodotto da “Vega’s Project” (piccola casa di produzione romana) e da Giovanna Mezzogiorno, è un viaggio alla scoperta della vita e della carriera di Vittorio Mezzogiorno, uno degli attori più importanti del teatro e del cinema italiano degli ultimi trent’anni.

Il ritratto di un uomo dal carattere difficile, tanto da divenire a tratti inavvicinabile perfino per amici e parenti, un uomo che nella sua vita ha messo davanti a tutto la carriera artistica, rinunciando a volte anche al ruolo di padre, aprendo un vuoto nella vita familiare. Un racconto vissuto proprio attraverso la voce di sua figlia Giovanna e le testimonianze di chi lo ha conosciuto. Un diario personalissimo nel quale l’attrice ricorda e ripercorre passo per passo le esperienze teatrali del padre con maestri come Peter Brook o Eduardo De Filippo, e quelle cinematografiche che lo hanno visto interprete di una ventina di pellicole dal 1973 al 1992, tra le quali si ricordano i lavori con Werner Herzog e Patrice Chereau, senza dimenticare naturalmente la partecipazione a numerose serie televisive di successo come “La Piovra”.

Il lavoro è durato più di un anno, e le riprese si sono svolte prevalentemente a Roma, Napoli e Parigi. Aneddoti, foto, immagini di repertorio e le musiche, davvero originali, di Pino Daniele per un ritratto intenso ed emozionante dedicato ad un artista del nostro tempo, ma soprattutto la storia di un uomo, di un marito, di un padre e di un amico.

Il lavoro inserito nella sezione “Controcampo Italiano” è un omaggio al genio e al talento di quest’uomo troppo presto strappato al grande cerchio della vita, troppo presto per lasciare un’immagine fedele delle sue potenzialità, troppo presto per gli amici, per la moglie, per le figlie di venti e quattordici anni, troppo presto per chi lo ammirava e lo amava per ciò che riusciva a trasmettere attraverso la sua arte.

Scroll To Top