Home > Recensioni > Non aprite quella porta 3D
  • Non aprite quella porta 3D

    Diretto da John Luessenhop

    Data di uscita: 28-02-2013

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Indossava una faccia

Nel 2012 Heather scopre di essere stata sottratta alla sua vera famiglia e di aver ereditato una gigantesca villa dalla nonna. Si reca a vedere la magione assieme al fidanzato, alla sua migliore amica e al fidanzato di lei, raccogliendo un autostoppista per strada. È la casa di Leatherface, che viene liberato dallo scantinato e fa i prevedibili sfracelli. Attenzione però, su 90′ di film solo una decina sono di gore, per il resto del tempo si chiacchiera, perché la pellicola vuole trattare di come il vero nemico sia l’uomo, e non il mostro. Peccato che John Luessenhop non sia George Romero.

OneLouder

Nulla a che vedere con il film del ’74 di Tobe Hooper, che, d’altro canto non è tenuto in alcuna considerazione. Infatti, se lo fosse, Heather non avrebbe vent’anni ma quasi 40. Ma non solo: la famiglia Sawyer è composta da personaggi a caso, mai visti nel film originale. Anche stilisticamente non vi è continuità: se il film di Tobe Hooper, come il remake e il prequel, era sporco, cattivo, sanguinario, unto e visivamente disgustoso, quello di Luessenhop è patinato ed elegante. Il film presenta infine varie amenità e momenti comicamente epici.

Pro

Contro

Scroll To Top