Home > Recensioni > Nowhere Boy

La soap opera del giovane John Lennon

Dopo la morte dell’adorato zio, l’adolescente John Lennon si ritrova tra due fuochi: la zia Mimì con la quale è cresciuto, donna di rigore e severità, e la mamma Julia dalla quale si era separato da bambino, donna libera e moderna, che lo inizia alla passione per la musica e per il rock. Un triste avvenimento del passato ha minato i rapporti interpersonali tra i tre. L’incontro con Paul McCartney, poi, gli cambierà per sempre la vita e lo condurrà a diventare un mito per intere generazioni.

OneLouder

Romanzetto melodrammatico e banale sui rivolgimenti familiari e personali di un giovane John Lennon descritto nei suoi subbugli ormonali e nei suoi atteggiamenti di odioso bullo. Una sorta di soap opera con tanto di flashback ripetuti e sfiancanti, di porte sbattute, di lacrime infinite. Un grande mito musicale e culturale banalizzato e svuotato di peso artistico, per concentrarsi in maniera stucchevole e fin troppo sentimentale sulle tappe primarie della sua formazione. Notevole l’interpretazione delle due protagoniste femminili, un po’ caricata e forzata quella del fondamentale protagonista. E non stiamo parlando del primo che passa…

Pro

Contro

Scroll To Top