Home > Recensioni > Pranzo Di Ferragosto
  • Pranzo Di Ferragosto

    Diretto da Gianni Di Gregorio

    Data di uscita: 03-09-2008

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

È un paese per vecchi

Parliamo dell’Italia, ovviamente. Un paese infestato di vecchi, soprattutto ad Agosto, quando vengono abbandonati dal popolo vacanziero al pari dei loro compagni a quattro zampe. Non è sempre così facile liberarsene, almeno se non si ha un amico come Gianni: una vita al fianco di una madre dominante e un Ferragosto al servizio di una terribile combriccola di vecchiette, in nome della cancellazione del debito. Infatti tutto “Pranzo Di Ferragosto” ruota attorno alle disgrazie del paziente regista, in questo caso anche protagonista del set, che si trasforma in badante per madri e parenti di amici e creditori.

La sinossi è a dire il vero inquietante e l’atmosfera si preannuncia opprimente, ma l’abilità di Di Gregorio è sorprendente nell’esaltare il lato comico del grottesco, trasformando la scena in una bozza fumettistica, in cui le quattro anziane signore divengono divertentissima fonte di riflessione. Il film – che per durata si presenta come un breve lungometraggio, ma il cui sviluppo è quello di un lunghissimo cortometraggio – verrà presentato alla settimana internazione della critica di Venezia ed è patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in quanto spunto di analisi per diversi temi sociali. Come una gentile nonnina, Di Gregorio scioglie la pillola nella minestra e ce la somministra col sorriso, ricevendo da noi la medesima risposta per una pellicola vera ed estremamente familiare.

Scroll To Top