Home > Recensioni > Predators

Nella giungla dei mostri (umani ed alieni)

Scaraventati da un aereo in volo su un pianeta sconosciuto, un gruppo di assassini e combattenti professionisti guidato dal mercenario Royce si trova ad essere sistematicamente cacciato da una nuova stirpe di Predators alieni discendenti del Predator annientato da Schwartzy nel film originale della saga.

Immersi in una giungla intrisa di pericoli mortali, questo gruppo di predatori umani, spietati criminali sulla terra, deve collaborare per riuscire a salvarsi dalla minaccia aliena in una caccia dai ruoli rovesciati. Scopriranno di esser stati rapiti dagli alieni e gettati nel loro pianeta-riserva di caccia per essere studiati ed eliminati in quanto i migliori esponenti della peggior razza umana.

OneLouder

Giunta al terzo capitolo la saga di Predator torna al cinema con rinnovato smalto grazie alla accorta produzione di Rodriguez. Efficace proprio perché elementare, veloce e senza fronzoli nel meccanismo narrativo, “Predators” è un onesto ed energico B movie che piacerà agli amanti del genere sci-fi horror ma che lascerà freddi, tra sbadigli, risatine e pochi sussulti, tutti gli altri. Inizio simbolico travolgente, con il precipitare di Adrian Brody nel vuoto che rimanda all’esperienza spettatoriale e al precipitare del pubblico nel sogno/incubo del film.

Pro

Contro

Scroll To Top