Home > Recensioni > Project X – Una Festa Che Spacca
  • Project X – Una Festa Che Spacca

    Diretto da Nima Nourizadeh

    Data di uscita: 06-06-2012

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

The Blair Witch Pie

Tutto iniziò con “The Blair Witch Project”, che spogliò l’horror di ogni costruzione cinematografica inaugurando il filone finto-documentaristico: aumentare il coinvolgimento dello spettatore grazie al famoso “effetto porno” e inscenare situazioni realistiche che enfatizzino l’evento straordinario. Come ad esempio la comparsa di Godzilla in “Cloverfield” o l’acquisizione di super-poteri in “Chronicle”.

Quindi perché non utilizzare la stessa tecnica per un college movie? L’idea dev’essere sembrata abbastanza stupida da convincere il regista di “Una Notte Da Leoni” a produrla. Nasce così “Project X”, che è un’ “American Pie” qualsiasi, in cui tre sfigatelli organizzano un mega party pieno di tette, alcol, droga e musica tamarrissima. Gli eventi sfuggono di mano in un crescendo già collaudato nei due “Hangover” e tra una battuta a sfondo sessuale e una vomitata il film passa piacevolmente.

OneLouder

Non c’è niente di nuovo in “Project X” oltre alla forma. Vedrete un “American Pie” girato con la telecamera a spalla e vi divertirete se di solito vi divertite con questo tipo di film. Altrimenti l’espediente del found footage non sarà in grado di salvarvi.

Pro

Contro

Scroll To Top