Home > Recensioni > Racconti Incantati

Favole Disney per grandi e piccini

Avete figli, nipoti, pargoli a cui fate da baby-sitter? Come sempre, non c’è nulla di meglio che una bella cura-Disney per ritrovare armonia, buoni sentimenti e divertimento.

“Bedtime Stories” è proprio questo: una favola buona quanto non buonista, che racconta la vita di Skeeter Bronson, tuttofare nell’albergo che una volta apparteneva a suo padre e che ormai da vent’anni è stato rilevato da Barry Nottingham, imprenditore e sociopatico. La svolta in una vita apparentemente monotona avviene quando Wendy, sorella di Skeeter, gli affida i suoi due figli per una settimana, mentre lei viaggia in cerca di lavoro. Il compito, apparentemente semplice, si complica quando Skeeter scopre che le fiabe della buonanotte che lui racconta ai nipoti si stanno avverando – a modo loro.
Inizia così la riscossa di Skeeter, che culminerà in un duello per il ruolo di direttore del nuovo Grand Hotel Nottingham.

La storia si svolge seguendo lo schema di una vera fiaba: c’è la rottura dell’equilibrio, le peripezie dell’eroe contro gli antagonisti, il lieto fine. Ci sono poi momenti surreali e fantastici, nei quali Skeeter catapulta se stesso e i nipoti in mondi paralleli, e altri di vita vissuta, che ci fanno fare la conoscenza di Violet, la figlia di Barry Nottingham, e del suo antipatico fidanzato Kendall Duncan. C’è la dinamica sentimentale stile “ti odio/mi piaci” che scatta tra Skeeter e Jill, amica di Wendy. Ci sono vaghi riferimenti alla classica dicotomia non-poi-così-netta tra buoni/cattivi.

C’è tutto insomma, soprattutto grande ritmo, alcune gag davvero divertenti, effetti speciali buffi, personaggi di contorno che faranno felici grandi e piccini – come il porcellino d’India Pallocchio. Non c’è ovviamente alcuna pretesa artistica, “Bedtime Stories” è solo un modo per raccontare ai più piccoli il potere della fantasia e l’importanza di raccontare una fiaba, ovvero il più antico ed efficace mezzo di rappresentazione allegorica della realtà.

Se avete figli o nipoti, insomma, ora avete anche un modo semplice e divertente per passare una serata con loro.

Scroll To Top