Home > Recensioni > Rendition – Detenzione Illegale
  • Rendition – Detenzione Illegale

    Diretto da Gavin Hood

    Data di uscita: 29-02-2008

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Faccia a faccia coi lati bui della democrazia

Film consigliato da Amnesty International, suggerimento che ha valide ragioni anche su un piano puramente qualitativo. Sì, perché “Rendition” è uno di quei film che fanno discutere senza annoiare, di quelli che, insomma, riescono a far riflettere anche chi, andando al cinema, si aspetta solo di trascorrere due ore divertenti incollati – ma senza dormire – alla poltrona.
Dopo l’Oscar per “Tsotsi”, Gavin Hood regala, con questa sua prima produzione statunitense, un vero e proprio thriller di due ore quasi esatte in cui si vive, si spera e ci si emoziona in compagnia dei protagonisti. La differenza è che il pericolo non è rappresentato da fantomatici alieni e o da eserciti misteriosi, ma da uno dei lati più bui della democrazia occidentale e del nostro stesso modus vivendi.
La “Detenzione Illegale” del sottotitolo è infatti il rapimento di cittadini che si pensa possano costituire una minaccia per la sicurezza nazionale, i quali vengono trasportati in prigioni segrete oltreoceano e sottoposti a interrogatori disumani. Tema quanto mai scottante – ecco spiegata l’attenzione di Amnesty International – che perfora letteralmente la nostra coscienza. Quanto è giusto prevenire attacchi terroristici che potrebbero uccidere migliaia di persone sottoponendo un unico uomo, il sospettato, a torture indicibili? “Rendition” non dà una risposta. Ciò che è certo è che lo spettatore si trova faccia a faccia con dubbi e ipocrisie ed è costretto almeno a rifletterci.
Con l’intelligentissimo colpo di scena finale basato su un gioco temporale, e un cast che ha tutto il sapore di Oscar (vecchi e nuovi: oltre alla divina Meryl Streep, troviamo infatti Reese Witherspoon, Jake Gyllenhall e Alan Arkin) “Rendition” probabilmente non è un capolavoro – a tratti scivola infatti nel melodramma – ma sicuramente è un film da vedere, e soprattutto di cui discutere.

Scroll To Top