Home > Recensioni > Riflessi Di Paura – Mirrors
  • Riflessi Di Paura – Mirrors

    Diretto da Alexandre Aja

    Data di uscita: 03-10-2008

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

…specchio specchio delle mie brame…

Dal regista di “Le Colline Hanno Gli Occhi”, arriva “Riflessi Di Paura”, la terrificante (?) storia di un ex poliziotto con una vita ormai allo sfascio, che si ritrova a dover salvare se stesso e la sua famiglia da un male indescrivibile, che utilizza gli specchi come portale per introdursi nella loro casa e nella loro vita.

In un periodo in cui il remake hollywoodiano dell’horror orientale va molto di moda, questo film si inserisce (fin troppo) pienamente sulla strada già aperta dal successo di “The Ring”; dal figlio amico-degli-spiriti-malvagi, alla bambina tormentata-dai-medici che riversa la propria malvagità sel mondo (la vhs maledetta qui è lo specchio) e non solo; da “Rosemary’s Baby” a “Il Sesto Senso”, dei quali il film contiene entrambi i finali; ritroviamo, man mano che la pellicola avanza, elementi di famosi horror. Citazioni? Omaggi? O, piuttosto, riciclo di stilemi già testati che assicurano gradimento (o perlomeno dovrebbero farlo)?

Dal punto di vista tecnico il film rispetta le regole, inquadrature buone e titoli di testa di grande impatto; interessante (o meglio: poteva esserlo) inoltre, l’utilizzo dell’emblema specchio: un tòpos che dal folklore popolare alla più alta letteratura ricorre nel tempo come simbolo di vanità, portale di verità e passaggi spazio-temporali per anime e spiriti. Purtroppo non basta: la storia è debole e dà la sensazione, assai sgradevole al cinema, del già visto; la sceneggiatura provoca più risate che tensione e l’adrenalina, la suspence, e i colpi di scena che percorrevano il precedente “Alta Tensione”, dello stesso Aja, vengono continuamente disattesi da scene e dialoghi deludenti e al limite del ridicolo, dove l’apice è la minaccia alla suora con pistola e parolaccia. Anche se poi, tornati a casa, si finisce comunque per guardarsi allo specchio con un po’ di sospetto, come dopo “The Ring” si stentava ad infilare una vhs senza etichetta nel videoregistratore. Così, per evitare problemi..

Scroll To Top