Home > Recensioni > Ritorno A Brideshead

Ritorno A Brideshead

Brideshead ritorna… sul grande schermo

Esce dal 26 giugno nelle nostre sale “Ritorno A Brideshead” (“Brideshead Rivisited”), pellicola tratta dalla penna inglese di Evelyn Waugh e ormai giunta al suo
ultimo step traspositivo. Nel 1981 era stata infatti portata dalla carta al piccolo schermo attraverso una miniserie tv da undici episodi con protagonista un giovane Jeremy Irons nei panni di Charles Ryder. Oggi passa dal piccolo al grande schermo con al timone Julian Jarrold, già regista di “Becoming Jane – Il Ritratto Di Una Donna Contro”, film semibiografico sulla vita della scrittrice Jane Austen ed interpretata da Anne Hathaway.

“Ritorno A Brideshead”, ambientato nell’Inghilterra degli anni venti, è la storia del giovane e aspirante pittore Charles Ryder (Matthew Goode) il quale,
conosciuto l’eccentrico Sebastian Flyte (Ben Whishaw), figlio di Lord e Lady Marchmain (Michael Gambon e Emma Thompson), se ne innamora. Diventati amanti,
Sebastian decide di invitare Charles nella sontuosa tenuta famigliare di Brideshead dove quest’ultimo conosce Julia, sorella di Sebastian, innamorandosene. La relazione a tre diventerà ben presto complicata.

A dar vita al film un cast decisamente british e di prim’ordine, da Matthew Goode, già protagonista nel woodyalleniano “Match Point” e nello snaideriano “Watchmen”, a Emma Thompson (che di certo non ha bisogno di presentazioni) con l’eccezione (solo di nazionalità ovviamente) di Greta Scacchi.
Proiettato come film d’apertura per il sessantunesimo Festival di Locarno, il film ha già ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui la nominanation al British Independent Film Award come migliore attrice non protagonista per Emma Thompson.

Scroll To Top