Home > Recensioni > Riunione Di Famiglia
  • Riunione Di Famiglia

    Diretto da Thomas Vinterberg

    Data di uscita: 30-04-2009

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

La campagna danese e il peso della vita

Sebastian è un ventenne danese dallo sguardo corrucciato, impacciato nelle movenze, incapace persino di dire il proprio nome senza balbettare. Figlio di due madri, vive oppresso dal pensiero della morte di un padre mai conosciuto, raccontatagli dalla madre in infanzia e mai dimenticata. Le campagne dorate della provincia danese sono la prigione del giovane, così come le braccia di Claudia, la ragazza con cui convive e che crede di amare. Saranno gli eventi a salvare Sebastian dalla propria debolezza, dalla mediocrità della sua gioventù: la scoperta di un amore incontrollabile per Maria, un’amica d’infanzia ritrovata e l’arrivo nel paesino del celebre tenore Karl Kristian Schmidt. Nel fervore delle preparazioni per la sua accoglienza, Sebastian scoprirà che l’uomo è il padre creduto deceduto e tenterà in ogni modo di avvicinarlo.

“Riunione Di Famiglia”, presentato lo scorso anno al Festival del Cinema di Roma, è a detta dello stesso Vinterberg un’ideale continuazione del suo film più acclamato, “Festen”, le cui tematiche riguardanti l’analisi di una situazione familiare allo sfacelo sono rilette con uno spirito nuovo e con un’incredibile abilità, tutta nordica, nel tratteggiare drammi umani di grande portata con un tocco leggero e una freschezza che non sminuiscono il dolore dei personaggi. Dogma è forse morto, ma il suo desiderio di entrare con la macchina da presa nell’intimità umana e nella situazione quotidiana è mantenuto in vita e forse perfezionato nelle mani dell’autore, che evita accuratamente il rischio di cadere in quel sensazionalismo e in quel voyeurismo che erano stati annoverati tra i limiti più grandi della corrente.

L’abilità visiva nel costruire sequenze di grande efficacia emozionale è indiscutibile, basti vedere la meravigliosa corsa carponi di Sebastian sul tavolo coperto di palloncini per aggredire il padre, ed è coadiuvata e portata al livello successivo dal talento del direttore della fotografia Anthony Dod Mantle, fresco vincitore dell’Oscar per il lavoro svolto in “The Millionaire”.

Tirando le somme, “Riunione Di Famiglia” è un film riuscito, che manda a segno buona parte dei tiri lanciati a bersaglio ed ha i numeri adatti per intrattenere un pubblico non scremato da vizi d’intellettualismo, commuovendolo e divertendolo a dovere. Chapeau.

Pro

Contro

Scroll To Top