Home > Recensioni > Rogue Il Solitario
  • Rogue Il Solitario

    Diretto da Philip G. Atwell

    Data di uscita: 18-07-2008

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Rogue… chi era costui?

Leggenda o realtà? Quando Jack Crawford, agente dell’Fbi con una vita distrutta dalla sete di vendetta, si mette alla ricerca di Rogue, assassino abile, preciso e soprattutto introvabile, non sa che la verità è lì ad attenderlo con un colpo di scena da lasciare davvero a bocca aperta.
Esiste davvero e, soprattutto, chi è Rogue, il solitario assassino che ha freddato, facendo perdere le proprie tracce, il suo collega, nonché migliore amico?
È attorno a questa domanda che gira la roulette di “Rogue – Il Solitario”, un film d’azione ambientato in una San Francisco teatro delle lotte tra yakuza giapponese e mafia cinese.

Un film che – diciamolo subito – fatica a convincere.
Gli ingredienti per un’ora e mezzo di divertimento a base di violenza, azione e quant’altro si vedono a tratti: apprezzabile, per esempio, la scelta di scene d’azione realistiche, senza super-salti e affini. Ma allora perché quel fastidioso sottofondo da discoteca invece di qualche silenzio ben dosato per un effetto cardiopalmo assicurato?
Convincenti i due protagonisti, stereotipati quanto basta per una pellicola del genere; peccato che poi alcuni dei comprimari siano semplicemente improponibili: un esempio su tutti la figlia del giapponese Shiro, istericamente autoritaria e ulteriormente penalizzata da un doppiaggio ridicolo.
Interessante poi lo scenario, da manga noir, ma forse esageratamente fumetistico: data la scelta di un registro il più possibile realistico, qualche approfondimento in più non avrebbe certo stonato, mentre risulta gradevole e sorprendente il finale, anche se è sufficiente una manciata di secondi per corrugare la fronte e chiedersi se tutto, sia nella trama che nella psicologia dei protagonisti, funziona a dovere – chi cerca pura azione, uscirà dalla sala un po’ annoiato. Chi invece ama lo scenario criminale orientale, non troverà gran pane per i suoi denti. Insomma, si lascia guardare, qualche volta cattura. Niente di più.

Scroll To Top