Home > Recensioni > Ruby Sparks
  • Ruby Sparks

    Diretto da Jonathan Dayton, Valerie Faris

    Data di uscita: 06-12-2012

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Gli uomini preferiscono le bambole

Cosa accadrebbe se all’improvviso la donna dei vostri sogni vi si materializzasse davanti agli occhi e poteste farle fare tutto ciò che desiderate?

È quello che capita a Calvin (Paul Dano), giovane romanziere in fase di blocco creativo dopo l’inatteso successo dell’opera prima. Quando gli appare in sogno la bella e vivace Ruby Sparks (Zoe Kazan), Calvin ritrova finalmente l’ispirazione ed inizia a scrivere su di lei. Senonché, il giorno dopo, Ruby si materializza in carne e ossa nel suo appartamento: è la sua ragazza, gli è completamente devota ed è tutto quello che ha sempre desiderato in una donna. Non solo: in quanto padre della sua creazione, Calvin ha il potere di farle fare qualunque cosa attraverso la scrittura. La pagina bianca diventa così uno schermo su cui proiettare ogni desiderio e Ruby è l’attrice che esegue senza batter ciglio il copione scritto per lei dall’autore.

OneLouder

Metafora del potere della creazione letteraria, capace letteralmente di dar corpo ai sogni,”Ruby Sparks” è un’acuta commedia romantica con venature fantasy che scivola nella seconda parte verso una sorprendente, disturbante deriva dark. Se la regia è puramente funzionale, il merito della riuscita del film va tutto a Zoe Kazan, nipote dell’immenso Elia e autrice dello script. Il personaggio di Ruby, bambolina dei sogni nelle mani di uno scrittore sentimentalmente immaturo, è un piccolo gioiello di scrittura ed interpretazione che incarna il desiderio maschile di possesso e controllo dell’Altro e getta uno sguardo femminista sulle relazioni tutt’altro che rassicurante.

Pro

Contro

Scroll To Top