Home > Recensioni > Sightseers

Humor nero inglese

Al Festival di Cannes (Quinzaine des Réalisateurs) è stato presentato “Sightseers“, una commedia truculenta che racconta — forse — di come chi si assomiglia si piglia. Protagonista è Tina, una ragazza tanto dolce con una madre tanto odiosa. Il suo fidanzato Chris sembra tanto dolce, anche se un po’ ossessivo. In poco tempo scopriamo che è un assassino seriale e un bugiardo. A sorpresa, però, quando lei scopre la verità, non lo lascia, ma inizia ad emularlo, anche se in modo un po’ caotico.. Molti i particolari splatter, compreso un cane infilzato con un ago da calza e una faccia spiaccicata contro un masso. Il finale è l’ultima grande beffa del film, pur essendo perfettamente coerente con la trama.

OneLouder

Particolarità, a Cannes un premio è andato a Smurf e Gad che hanno interpretato i due cani, Banjo e Poppy.
Il film è britannico, con battute pungenti, gusto dell’assurdo e nonsense. Un difetto è che è un po’ lento. Nonostante la tematica, infatti, non incalza con gli omicidi e i continui capovolgimenti di scena, che pure ci sono, procedono a ritmo preciso, senza alcuna accelerazione, mai, per rendere la storia quanto più possibile normale. Grande importanza e lirismo ricoprono gli spazi (i due sono in vacanza in roulotte) che fanno spesso da contrappunto a una violenza quasi normalizzata, vissuta senza ecceso. Attenzione alle numerose false piste seminate all’interno del film!

Pro

Contro

Scroll To Top