Home > Recensioni > Source Code

Antiterrorismo alla Matrix

Il capitano Colter Stevens si risveglia nel corpo di un altro uomo, su un treno, con una ragazza che sostiene di essere la sua fidanzata; dopo 8 minuti il treno esplode e Stevens è in una capsula, con una donna in uniforme che gli impartisce ordini su come individuare il terrorista che ha fatto esplodere quel treno e che punta ora ad un attentato nucleare sul suolo americano: tornando per 8 minuti nella vita di una delle vittime dell’attentato tramite il programma top secret Source Code.
Opera seconda di Duncan Jones, regista di Moon e acclamato da tutti i fan della Sci-Fi come il nuovo messia e grazie ad un Jake Gyllenhaal molto in forma, Source Code è uno dei migliori film di fantascienza degli ultimi anni.

OneLouder

Duncan Jones conferma il talento che ci aveva fatto apprezzare nel suo film d’esordio: Source Code è un film di fantascienza low budget che con pochissimi personaggi ben caratterizzati, poche situazioni perfettamente sceneggiate e un intreccio molto intrigante che a tratti ricorda la fantascienza di Philp K. Dick lascia lo spettatore incollato allo schermo senza mai essere prevedibile anzi, con un climax crescente che ci parla di fantascienza ma anche di emotività e di molto altro.
Ottime interpretazioni di Jake Gyllenhaal, Vera Farmiga e Michelle Monaghan.

Pro

Contro

Scroll To Top