Home > Recensioni > Stanley’s Girlfriend

Correlati

Rimandi e omaggi

“Stanley’s Girlfriend” è un cortometraggio contenuto in “Trapped Ashes”, un’antologia horror formata da quattro episodi senza alcun legame reciproco se non quello (debole) della cornice (che in effetti è un autentico quinto episodio a sé).
Questa storia contenitrice mostra sei turisti in gita agli studi di Hollywood, che si ritrovano imprigionati in una villa che era stata il set per un vecchio film dell’orrore, e per uscirne ognuno di loro dovrà raccontare l’evento più orrorifico che abbia realmente vissuto.

Hellman è l’unico che mantiene il gioco di rispecchiamenti multipli, con rimandi, omaggi, citazioni e messe in abisso e meta-tutto. Lo Stanley del titolo è infatti nientemeno che Kubrick, e un suo vecchio amico racconta una storia che fa inferire allo spettatore per quale reale motivo se ne fosse andato via da giovane dagli USA senza tornarvi mai più.

Nonostante l’idea sia buona, e forse anche *SPOILER* la possibile sfumatura di significato (tramite accenno metaforico) sul rapporto tra cinema e vita messo in gioco dal vampirismo */SPOILER*, il corto si rivela insignificante in qualità di horror.

OneLouder

Anche in questo breve caso, come forse in “Silent Night, Deadly Night III: Better Watch Out!”, un eccessivo intellettualismo, dai confini peraltro incerti, si abbina male con l’horror.
Ma pure trascendendo tale genere, il corto appare fiacco e come desaturato, in uno svuotamento che in questo caso non funziona, per effetto anche di una narrazione eccessivamente elementare.

Pro

Contro

Scroll To Top