Home > Recensioni > Starlet

I figli si scelgono

Starlet è un cane. Il cane di Tess/Jane, un’attrice porno che un giorno trova 10mila dollari in un thermos comprato in un mercatino in giardino. Torna dalla donna che glielo ha venduto, per restituire la somma, ma viene cacciata. Decide così di aiutare l’anziana signora e tra le due nasce un’amicizia. Personaggi secondari: Melissa, la coinquilina di Jane, e il suo fidanzato Mikey, entrambi attori porno, e l’impresario arabo Arash che vuole fare di Tess (il nome d’arte di Jane) una star. Tutti e tre gli interpreti, inoltre, sono sensazionali. Una curiosità: Manuel Ferrara e Asa Akira, attori porno, interpretano se stessi. Il film è lento e tecnicamente povero, ma vero e toccante.

OneLouder

Un bel film con una trama senza scossoni, il cui obiettivo è farci conoscere i caratteri di Sadie (la vecchia) e di Jane e raccontarci come le due diventano amiche e partono per un viaggio dopo mille vicessitudini: Jane, che è bella, solare, un po’ svagata e dolcissima, sconfigge il silenzio di Sadie con la sua spontaneità. Sadie passa attraverso varie prove. Alla fine esce più forte e decide di svelare a Jane il suo segreto. Chi ha amato “Prince of Brodway”, il precedente film di Baker (Locarno 2009) apprezzerà anche questa pellicola. Lo stile è sempre garbato, i personaggi coerenti e scandagliati in profondità, il parlato si rifà al quotidiano ed è quindi molto asciutto. Il cane Starlet è stupendo.

Scroll To Top