Home > Recensioni > Teat Beat Of Sex

Il sesso visto dalle donne

Oltre a “Metropia” e “Yona Yona Penguin”, l’animazione a Venezia 66 è rappresentata anche dalla serie “Teat Beat of Sex”, quindici episodi – otto in Mostra – che sono proiettati, a mo’ di introduzione, prima di alcuni lungometraggi. Come già suggerisce il titolo, l’argomento principe della miniserie è il sesso, visto qui dalla parte dell’universo femminile, e in particolare di una ragazza, Cynthia, che, con il suo inglese biascicato e mangiucchiato, spiega agli spettatori tutto ciò che c’è da sapere sull’argomento.

I disegni, estremamente – ma, puntualizziamolo, volutamente – sgraziati e le animazioni approssimative introducono subito il pubblico in un clima ironico, persino dissacratorio. Come nell’episodio “Key”, in cui Cynthia ricorda i tempi del collegio, dei suoi primi rapporti sessuali e soprattutto della guardiana del dormitorio che, con il suo mazzo di chiavi passepartout, può irrompere nelle stanze per sorprendere le ragazze mentre cercano di perdere la propria innocenza. Ovviamente Cynthia ce la fa. Si trasforma in un proverbiale “coniglio” e – come si dice in gergo – “ci dà dentro”.

“Elegante” non è esattamente la parola esatta per definire questa miniserie. Neanche “divertente”, però, riesce a essere un aggettivo adatto, come forse era negli intenti della regista e animatrice Signe Baumane. Diciamo soltanto che “Teat Beat of Sex” parla di donne e a parlare è una donna, con le sue fantasie erotiche e i suoi racconti disinibiti. Purtroppo, il contesto in cui questi episodi vengono proiettati non è d’aiuto. Rappresentazioni stilizzate di sessi maschili e femminili, fellatio e quant’altro, prima di un film eticamente impegnato come “L’amore e basta” di Stefano Consiglio, che vuole sfatare alcuni miti binomi come omoaffettività/sesso, possono davvero risultare fuori luogo.

Perché non una proiezione a parte con tutti gli episodi uno di seguito all’altro?
L’opera della Baumane sarebbe sicuramente apparsa sotto una luce diversa.

Scroll To Top