Home > Recensioni > The Rocker – Il Batterista Nudo
  • The Rocker – Il Batterista Nudo

    Diretto da Peter Cattaneo

    Data di uscita: 19-09-2008

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

I only drum to eleven

Il rocker, quello nudo, si chiama Fish ed è un quarantenne che si ritrova a dover fare i conti con una sindrome di Peter Pan mai completamente risolta. L’insanabile delusione di aver perso l’occasione di una vita continua a tormentarlo, l’estromissione dalla hair metal band dei Vesuvius, lanciati verso la Rock’n’Roll Hall Of Fame, lo continua a perseguitare e gli rovina la spenta vita di impiegato che si è sostituita alla luminosità di una stella nascente. A vent’anni di distanza bussa alla porta quella seconda occasione che diventa palcoscenico di una rivincita personale verso il tradimento e la sconfitta, sia come musicista che come uomo. Una band di adolescenti alle prese con il ballo della scuola si trasforma in trampolino di lancio verso quel sogno chiamato successo, tanto atteso, che trova la propria dimensione sia nella vita privata che in quella professionale.

Le tematiche adolescenziali e dell’ingresso nel reame adulto, sulle quali oscilla pericolosamente il batterista che prova nudo, si accompagnano a una narrazione veloce e ironica, senza diventare il fulcro dell’azione. I risvolti morali della fabula devono essere gustati come un contorno a una pietanza ricca e saporita, nata dall’accostamento di ingredienti stuzzicanti e sfiziosi. Spesso divertente e mai eccessivo, il lavoro di Peter Cattaneo si sofferma anche su molte tematiche di contorno.

Dal ruolo di YouTube all’immagine dei rappresentanti delle case discografiche, non si può non percepire un giudizio sull’odierno mondo del music business, mentre dal punto di vista prettamente sonoro, è d’obbligo apprezzare il lavoro svolto da Chad Fischer per la composizione dei brani presentati sui palchi ospiti della pellicola. Se i Vesuvius ricordano non poco i Whitesnake, gli A.D.D. sono lo specchio dell’emo-pop odierno, a dire il vero non sempre musicalmente coerente, sul quale influisce in modo decisivo la vibrante energia del naked drummer. Superfluo rimancare la nostra preferenza per il sound dei primi.

“The Rocker – Il Batterista Nudo” si propone, quindi, come una commedia scanzonata, divertente e disimpegnata, ma non è la solita commedia insipida, banale e sciocca. Benché il titolo agevoli l’incupirsi delle aspettative e i richiami a illustri precedenti come “This Is Spinal Tap” e “School Of Rock” giochino a sfavore di Cattaneo, il film diretto dal regista di “Full Monty” si rivela comunque una piacevole pausa nell’inquinato oceano dell’entertainment made in USA, fermamente radicato su cliché di genere tanto abusati quanto redditizi.

Scroll To Top