Home > Recensioni > The Sessions – Gli Incontri
  • The Sessions – Gli Incontri

    Diretto da Ben Lewin

    Data di uscita: 21-02-2013

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Sesso e disabilità con delicata ironia

A trent’otto anni, e da trenta imprigionato in un un polmone polmone d’acciaio quasi tutto il giorno, a causa delle conseguenze di una poliomielite, il giornalista e poeta Mark O’Brien sente il bisogno di avere dei rapporti sessuali. Così contatta una terapista specializzata, Cheryl Cohen Greene, che gli farà scoprire le gioie del corpo, anche se sarà difficile, per entrambi, tenere fuori i sentimenti da questo “rapporto”.

The Sessions” parla di sessualità e infermità riuscendo a non risultare né patetico né ridicolo. Il merito, però, va soprattutto ai suoi coraggiosi interpreti, Helen Hunt (che si mostra nuda, in full frontal, quasi per tutto il film), e John Hawkes, cui però viene evitato programmaticamente il nudo totale in una rappresentazione visiva che ancora sconta un certo maschilismo dove è accettato lo “shock” di un corpo nudo femminile, ma non quello virile.

OneLouder

La regia di Ben Lewin riesce a evitare quasi tutte le trappole dei film di questo genere, ma si appiattisce un po’ troppo senza portare alcuna novità, affidandosi comodamente alla bravura degli interpreti. L’ingenuità (amorosa) di O’Brien deve più alla performance di Hawkes, fatta di toni e voce, di volto e occhi, che alla scrittura del personaggio che rivela qualche falla melensa, così come l’autoironia del protagonista non riesce sempre a diventare quella del film. Ma alla fine dei giochi, complici anche dei comprimari straordinari, “The Sessions” convince lo spettatore, quanto meno riuscendo a coprire abbastanza i suoi difetti.

Pro

Contro

Scroll To Top