Home > Recensioni > Tomboy

Correlati

Identità e libertà: la purezza dell’infanzia

Laure, una bellissima bambina di dieci anni con inequivocabili atteggiamenti mascolini, si trasferisce con la sua famiglia in un nuovo appartamento fuori Parigi e fa amicizia con i ragazzini del quartiere presentandosi a tutti come un maschietto di nome Michael. La finzione va avanti per un po’ anche grazie alla gioiosa complicità della sorellina Jeanne. Ma quando Lisa, una delle bambine del vicinato, si innamora di Michael tutto si complica, e i confini tra gioco e menzogna (desiderio e realtà) si fanno più limpidi e netti. Anche la scuola è alle porte e non c’è nessun bambino di nome Michael fra gli iscritti…

Premiato a Berlino con il Teddy Award e distribuito con successo in Italia dall’indipendente Teodora Film, “Tomboy” è la prima vera sorpresa della stagione cinematografica.

Pro

Contro

Scroll To Top