Home > Recensioni > Toy Story 3 – La Grande Fuga
  • Toy Story 3 – La Grande Fuga

    Diretto da Lee Unkrich

    Data di uscita: 07-07-2010

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Anche i giocattoli piangono

Andy è ormai diventato grande, ha messo Buzz e Woody in un baule da un pezzo e ora, come nella migliore delle tradizioni americane, è tempo di andare al college e liberare la stanza: quello che non si porta al college si butta o si manda in soffitta.
Quale sorte attende tutta la compagine di giocattoli ormai abbandonati nel dimenticatoio da anni?

Il nuovo capitolo di “Toy Story” si pone in linea con la nuova politica della Pixar che, da “WALL•E” in poi, oltre a stupirci con prodezze tecnologiche, sembra orientata verso cartoni che non siano solo intrattenimento ma anche fonte di dialogo con gli adulti e riflessione per dei piccoli spettatori sempre più responsabili; e così il nuovo capitolo: con una nuova dimensione, tantissimi nuovi personaggi, un inedito spessore morale, e tante nuove risate.

OneLouder

Mentre Andy ormai promette “l’infinito ed oltre” a qualche compagna di classe, i suoi vecchi giocattoli chiusi in un asilo di concentramento dovranno fare i conti con altri bambini e nuovi colleghi: dall’ambiguo Ken al terribile orsetto che profuma di fragola.

La forza di “Toy Story 3″ però è un’altra: nessuno ci aveva mai mostrato la sofferenza di Barbie quando la sua padrona le preferisce smalto e telefono, o il vuoto interiore di un pagliaccio quando il suo bambino preferisce andare al cinema con tale intensità drammatica, e questo cartone ci fa quasi venire voglia di tirare fuori tutti i vecchi giocattoli dalle scatole in soffitta e chiedergli scusa.

Pro

Contro

Scroll To Top