Home > Recensioni > Tutti Insieme Inevitabilmente
  • Tutti Insieme Inevitabilmente

    Diretto da Seth Gordon

    Data di uscita: 23-01-2009

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Natale made in USA

Il cine-panettone bussa sempre due volte. E se il primo è carta conosciuta (cambia solo il posto in cui è ambientato), il nuovo cine-panettone arriva, con un po’ di studiato ritardo – troppa competizione – direttamente dagli USA.

E fa anche ridere, nonostante i toni immancabilmente esasperati, che, senza voler bestemmiare, ricordano quelli della screwball comedy, con in più un tocco di volgarità, il segno dei tempi. Vince Vaughn, uno dei nomi più famosi di Hollywood in fatto di comicità, e Reese Witherspoon sono Brad e Kate, una coppia altolocata di San Francisco che ha deciso di passare il Natale in una località esotica, lontano dai convenevoli, dagli imbarazzi e dalle tensioni che segnano i Natali di ogni famiglia, ma quelli delle loro famiglie un po’ di più… Il progetto va in frantumi, causa nebbia che blocca a terra i voli.

E il sogno diventa un incubo (grottesco, ovviamente): in un solo giorno i nostri eroi dovranno affrontare un tour di quattro Natali per quattro famiglie, una per ogni genitore divorziato. Quattro episodi ben caratterizzati, in cui c’è spazio anche per un po’ di satira – la sequenza della messa-rock nella chiesa fondamentalista del pastore Phil, sorta di predicatore superstar come ce ne sono tanti oggi negli USA, è esilarante.

Un cast stellare, che però non avrebbe figurato così bellamente senza il lavoro dello scenografo Shepherd Frankel, che costruisce ogni casa (le azioni si svolgono quasi sempre in interni) in modo da rispecchiare e favorire la personalità dei personaggi cui appartengono – eh, le maestranze!
Certamente il cinema USA vanta oggi un sistema di professionalità altamente qualificate, chiaramente suddivise e delineate, proprio come in una modernissima ed efficiente catena di montaggio che si applica però, nella maggioranza dei casi, a film come questo: un prodotto ben confezionato, ma vuoto sotto il profilo artistico, e, va da sé, creativo.

Scroll To Top