Home > Recensioni > Tutti pazzi per Rose
  • Tutti pazzi per Rose

    Diretto da Régis Roinsard

    Data di uscita: 30-05-2013

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Anni ’50 tra “amour” e commedia sportiva americana

Almeno una volta l’anno, la Francia ci ricorda quanto abbiamo da imparare da lei cinematograficamente parlando.
Régis Roinsard, tuttofare del campo con all’attivo clip musicali e spot, ha ricevuto attenzione e sostegno economico dal produttore Alain Attal, tanto da poter realizzare come film d’esordio una sofisticata fusione tra commedia romantica americana alla Billy Wilder e la più classica competizione sportiva, con un certo tocco biografico e decisamente francese a completarne l’achimia.
Così la storia di Rose (Déborah François), imbranata campagnola che si fa strada come la campionessa di dattilografia grazie ai rigidi allenamenti dell’assicuratore per cui lavora, si trasforma agevolmente in un caledoscopio di citazioni, colori e memorie dell’immaginario colletivo mondiale degli anni ’50.

OneLouder

“Populaire” nasce da fascinazioni cinematografiche francesi e americane di cui è figlio Roinsard, almagamate nella più classica storia d’amore tra l’irriverente neoassunta imbranata e il capoufficio esigente ma scottato dal passato.
Lo sguardo francese però stempera il buonismo figlio della tradizione americana, consegnando una pellicola fresca, spesso sensuale e talvolta riflessiva.
Lo sforzo produttivo affianca a un esordiente un signor comparto tecnico. Il cast è semplicemente delizioso, in primis Déborah François, al fianco di una lanciatissima Bérénice Bejo.
Un gioiellino.

Pro

Contro

Scroll To Top