Home > Recensioni > Un Poliziotto Da Happy Hour
  • Un Poliziotto Da Happy Hour

    Diretto da John Michael McDonagh

    Data di uscita: 21-10-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Black comedy di qualità

Non è proprio una vita da poliziotto modello quella del sergente Gerry Boyle, cinquantenne più o meno, più che discretamente in sovrappeso, frequentatore di prostitute, grande sensibilità per l’alcol e non solo. Si pensi alla scena iniziale, in cui dalla tasca di un ragazzino che si è andato a sfracellare con l’automobile, l’uomo estrae con estrema nonchalance… una pasticca della felicità. E allora quando l’agente dell’FBI Wendell Everett, uomo di colore tra irlandesi (“razzisti di natura”, afferma con candore il protagonista), arriva nella sua cittadina per indagare su un traffico internazionale di cocaina, la sua vita – fatta anche di un’affezionatissima madre in fin di vita e di un codice morale tutto particolare, ma bizzarramente rispettato – viene sconvolta.

OneLouder

Difficile che passi inosservato questo piccolo film, apparentemente senza grandi pregi e invece caratterizzato da un ritmo sostenuto, personaggi e situazioni memorabili, una colonna sonora che solletica la curiosità e tanto altro ancora da scoprire. Il demenziale titolo italiano non aiuterà perà lo spettatore smaliziato a considerarlo appetibile: meglio chiamarlo come in originale, “The Guard”.

Pro

Contro

Scroll To Top