Home > Recensioni > Una Canzone Per Te
  • Una Canzone Per Te

    Diretto da Herbert Simone Paragnani

    Data di uscita: 28-05-2010

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Un cinema da Zero Assoluto

Davide è un liceale sfrontato ed arrogante con il sogno televisivamente indotto di partecipare all’MTV New Talent e sfondare nella musica con la sua band. Quando la sua vita va a rotoli nel corso di una giornata disastrosa, avrebbe finalmente quello che si merita ma il destino gli concede la possibilità di tornare indietro nel tempo, rimettere le cose a posto, scrivere una canzone per la sua ragazza e trionfare sul palco. Scoprirà che “nulla torna esattamente come prima” e che la cosa più difficile è “cambiare se stessi”.

Furbissima operazione di marketing per far vendere dischi a Lost & co e con cui MTV allunga i suoi tentacoli anche al cinema. Speriamo li ritiri subito.

OneLouder

Tutt’altro che innocuo, il filmetto veicola agghiaccianti stereotipi femminili (e non solo): la prof iena, l’amica infida, la puttana e la fidanzatina snob sono figure antagoniste che Davide deve letteralmente mettere al tappeto. Lisa la dark sarebbe la sfigata di turno ma si capisce subito che gli sfigati sono tutti gli altri, compreso il regista.
E la musica? I brani non originali tracciano un landscape di tutto rispetto ma dal primo pezzo simil-Dari alla melensa ballad scritta dai Sonohra, il percorso del protagonista si esaurisce in uno spostamento millimetrico. E viene fatto passare per profonda maturazione musicale. Sì, da Zero Assoluto.

Pro

Contro

Scroll To Top