Home > Recensioni > Una Vita Tranquilla
  • Una Vita Tranquilla

    Diretto da Claudio Cupellini

    Data di uscita: 05-11-2010

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Padri e figli

Un ristorante di successo in Germania. Una moglie tedesca e un bambino allegramente bilingue. È la vita di Rosario (Toni Servillo), emigrato di vecchia data, perfettamente a proprio agio nella nuova patria e con poca inclinazione a parlare del passato. L’arrivo dall’Italia dei giovani Diego e Edoardo (Marco D’Amore e Francesco Di Leva) riapre brutti ricordi e gratta via la patina dai segreti nascosti.
Una tragedia familiare radicata in fatti di cronaca nera che Claudio Cupellini, dopo il gradevole ma fragile “Lezioni di Cioccolato” (2007), dirige con uguale attenzione agli ambienti e ai propri attori.

OneLouder

Tradimento, sacrificio, colpa, punizione, legami di sangue: la sceneggiatura – di Cupellini, Filippo Gravino e Guido Iuculano – abbraccia temi pesanti e terribili ma la messa in scena sceglie, saggiamente, una composta sobrietà e ripone una fiducia incondizionata nei volti degli interpreti: le emozioni fluiscono, l’intreccio cattura fino alla fine. Un buon dramma, emozionante.

Pro

Contro

Scroll To Top