Home > Recensioni > Unknown – Senza Identità
  • Unknown – Senza Identità

    Diretto da Jaume Collet-Serra

    Data di uscita: 25-02-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Un’identità davvero perduta?

Liam Neeson veste i panni di Martin Harris, un celebre botanico americano che, a seguito di un incidente stradale in taxi, perde la memoria. Svegliatosi dal coma, scopre con orrore di essere stato subitaneamente rimpiazzato da un impostore che ha assunto la sua identità e vive con sua moglie, la quale afferma a sua volta di non conoscerlo. Ignorato dalle autorità e braccato da un misterioso assassino, Martin dovrà fare i conti con la propria pseudo-identità (e sanità mentale) per riprendere possesso della sua vita. Si affiderà alla tassista che è stata presente ai suoi ultimi sprazzi di lucidità: una Diane Kruger davvero poco raccomandabile, dai giri loschi ma unico anello di congiunzione tra il passato ormai dimenticato ed un presente nebuloso da recuperare.

OneLouder

“Unknown” è la discesa agli inferi che indossa la veste di un action thriller dai labili risvolti psicologici discordanti, con un ritmo serrato che proietta in un trascinante intrigo dal sapore hitchcockiano. La fascinosa idea di fondo non basta a mantenere in piedi una struttura narrativa che si indebolisce fino a perdere mordente e scadere in classici cliché tipici di americanate ben fatte ma dal retrogusto di un atteso déjà-vu. Nel complesso la tensione regge, anche se sul finale ci si perde in minuzie che ne comprometteno la fluidità e l’eleganza stilistica per poi riprendersi con un finale a sorpresa che, in fin dei conti, funziona.

Pro

Contro

Scroll To Top