Home > Recensioni > Uvanga

Correlati

Ritorno alle origini fra i ghiacci del Canada

In concorso ad Alice nella città, la sezione di cinema per ragazzi del Festival di Roma, il film è ambientato e interamente girato nello sconfinato territorio canadese del Nunavut, terra delle popolazioni Inuit. Racconta la storia di un ragazzo di Montréal che visita per la prima volta le terre di origine del padre dopo la sua morte in circostanze misteriose. Il ragazzo di città si troverà a confrontarsi con la cultura Inuit, che è parte di sé anche se lui ancora non lo sa, e a indagare sulla morte del padre.

Uvanga” (“me stesso” in lingua inuktitut) è il secondo film del collettivo femminile Arnait Video (“arnait” vuol dire “donne”), impegnato già dal 1991 nella realizzazione di video per la valorizzazione e la diffusione della cultura Inuit.

OneLouder

Una storia che sembra quasi di propaganda, tanto è farcita di buoni sentimenti. Ma è l’occasione per vedere sul grande schermo luoghi cui il cinema si interessa molto raramente. Gli attori sono tutti inuit e non (o poco) professionisti, ma parlando in lingua inuktitut o in un inglese raffazzonato, lo straniamento è dissimulato.
Un film senza grandi emozioni, ma una buona alternativa per raccontare una cultura le cui storie sarebbero altrimenti appannaggio del cinema documentario.

Pro

Contro

Scroll To Top