Home > Recensioni > Valentino: L’Ultimo Imperatore
  • Valentino: L’Ultimo Imperatore

    Diretto da Matt Tyrnauer

    Data di uscita: 20-11-2009

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

“Dopo di me il diluvio”

“Amo il bello, che ci posso fare”: parole di Valentino, icona dello stile e siderale couturier, messo a nudo in un sorprendente documentario americano. Non lasciatevi ingannare dal sospetto della trovata pubblicitaria: “Valentino – The Last Emperor” è un autentico docu-drama con una stringente progressione drammaturgica, nonché un sincero omaggio ad un mondo che sta scomparendo schiacciato dalle nuove inesorabili economie di mercato.

Il film è la testimonianza degli ultimi anni della carriera del re del made in Italy, dal 2005 fino alla sfilata retrospettiva a Roma nel 2007. Mentre le voci di un probabile ritiro dalle scene si fanno sempre più insistenti, la macchina da presa segue Valentino tra lavoro in atelier, party lussuosi e momenti privati.

Dagli esordi a Parigi all’incontro a Roma negli anni della dolce vita con Giancarlo Giammetti, suo socio nella costruzione di un impero e inseparabile compagno, fino ai trionfi degli anni ’70 ed ’80, il film è una felicissima cavalcata attraverso il fermento e la magia di un’epoca irripetibile. E quando alla nostalgia del passato si sostituisce negli ultimi anni l’amarezza per la cessione dei vertici dell’azienda, il film diventa l’epitaffio di un’era. Il mercato della moda è cambiato, a fatturare sono ormai accessori e affini, la sartorialità certosina e i costi da capogiro dell’alta moda non sono più ammessi: il ritiro di Valentino assume la risonanza epica dell’ultimo ruggito di un leone. “Dopo di me il diluvio”.

Tyrneur dimostra grande abilità sia nel maneggiare il materiale tra pubblico e privato che nel gestire le fila del racconto sulle motivazioni del clamoroso ritiro. Ma il film è soprattutto la storia del bellissimo rapporto tra Valentino e Giammetti, un sodalizio professionale e personale che non ha eguali e che l’occhio di Tyrneur racconta in modo limpido e potente. Da una parte l’artista assoluto che vive in un iperuranio di bellezza e creatività, dall’altra il compagno che gli risolve ogni problema tecnico ed economico, e lo preserva da condizionamenti e “brutture” esterne: i momenti migliori sono proprio gli impagabili duetti fra questi due grandi uomini.

OneLouder

Quando la vita è già cinema. Se vi piace il mondo della moda e avete amato “Il Diavolo Veste Prada”, non perdetelo: divertente e toccante, con Valentino star assoluta, più vero della Streep, più divino della Garbo, dotato di un’ironia sopraffina, di un’ aplomb ultraterreno persino quando perde le staffe, e capace di commuoversi con una limpidezza disarmante. Adorabile dietro la maschera di glaciale perfezione.

Pro

Contro

Scroll To Top