Home > Recensioni > Venuto Al Mondo
  • Venuto Al Mondo

    Diretto da Sergio Castellitto

    Data di uscita: 08-11-2012

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

In amore e in guerra…

Venuto al Mondo è una storia densa. Parla di amore, in tutte le sue sfaccettature, ma anche di maternità e del legame atavico che lega un figlio alla madre.
Sullo sfondo c’è Sarajevo, che non ha ancora conosciuto la guerra quando Gemma (Penélope Cruz) e Diego (Emile Hirsch) si conoscono, innamorandosi a prima vista. Qualche anno dopo la guerra arriva a distruggere qualsiasi cosa, le strade della città come la mente di Diego, qualunque prospettiva di futuro, qualsiasi speranza e anche quel rapporto viscerale nato qualche anno prima tra quelle stesse strade.
Eppure, nonostante tutto il dolore, diciannove anni dopo Gemma è lì, con suo figlio, a cercare negli angoli di quelle strade i suoi ricordi e le sue perdite, in cerca di redenzione.

OneLouder

Dentro questo film c’è l’amore, la maternità, il legame biologico contro quello affettivo, la guerra. La guerra che cancella, che ferisce, che annienta, che uccide, che porta segreti. Poi c’è il desiderio di riscatto dagli errori del passato, il senso di colpa per i segreti che non abbiamo il coraggio di rivelare, l’analisi del proprio presente.
“Venuto al Mondo” è una storia densa. Forse troppo.
Girato da Sergio Castellitto senza pregi né difetti, con il vantaggio di una produzione ed un cast di respiro internazionale, ha la pretesa di voler parlare di troppe cose con il risultato del “tutto e niente”.

Pro

Contro

Scroll To Top