Home > Recensioni > Recoil: Selected
  • Recoil: Selected

    Recoil

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Assente di lusso

Dietro al nome Recoil si nasconde Alan Wilder, ex-membro fondamentale dei Depeche Mode, allontanatosi dalla band dopo il pesantissimo Song of Faith and Devotion tour. L’inizio della sua carriera solista è all’insegna della ricerca sonora, portata avanti parallelamente ai Depeche Mode, quasi come controaltare sperimentale: con la band tentavano di portare l’elettronica alla massa, da solo si allontanava dal mainstream. Il progetto vira contestualmente all’allontanamento dai Depeche, da “Unsound Methods” in poi Wilder decide di accompagnarsi a grandi voci.

Questo “Selected” è un compendio della carriera solista di Recoil, tutti i brani sono interamente rimasterizzati e la tracklist è stata scelta con cura dall’artista.

Il disco esiste in varie versioni, sia per soddisfare i fan che per spingere i neofiti all’ascolto. Da sottolineare come questo nuovo decennio abbia portato alla riconciliazione con i suoi vecchi compagni di band e, soprattutto, riporti l’artista in tour dopo il ’94. Evento da non perdere.

Pro

Contro

Scroll To Top