Home > Recensioni > Redemption: Frozen In The Moment – Live In Atlanta
  • Redemption: Frozen In The Moment – Live In Atlanta

    Redemption

    Data di uscita: 03-03-2009

    Loudvision:
    Lettori:

I miracoli della produzione

Il primo DVD live dei Redemption ha mostrato inequivocabilmente una cosa: che quella che avevamo considerato, all’uscita dei tre passati studio-album, una delle più convincenti realtà di progpower metal americano, ha invece due grossi deficit sul palco.
Il primo, meno grave, è un eccesso di staticità che coinvolge tutti i musicisti, ciascuno unicamente concentrato sul proprio strumento.
Il secondo, invece, forse già evidente ai malati di Fates Warning, risiede nella limitata forbice vocale di Ray Alden, che gli impone di tenersi su toni non troppo pretensiosi (anche perché, laddove ciò invece avviene, il singer mostra evidenti pecche).

Ciò non intacca, dall’altro lato, quello che è l’aspetto più coinvolgente della band: una esplosiva miscela di melodia e potenza che ha reso gloria alla creatura del tastierista Nicolas Van Dik e del chitarrista Bernie Versailles. Questa capacità ha mostrato, peraltro, nell’ultimo “The Origin Of Ruin”, una maggiore indipendenza dalle fonti: fonti che, nel precedente “The Fullness Of Time”, talvolta spudoratamente, avevano richiamato in modo esplicito i Symphony X, Dream Theater, Queensryche e Fates Warning.

E tutto ciò viene documentato nel live registrato nel 2007 ad Atlanta, in occasione dell’annuale ProgPower Fest. La band, che dietro le scene mostra una goliardica esuberanza, ha fatto anche da spalla ai Dream Theater, durante il tour di supporto a “Systematic Chaos”.

Fine! Il DVD non regala altro, fuorché un’inutile rassegna di foto ed un’inedita traccia strumentale di 11 minuti, che farà la gioia dei patiti del progmetal più complicato. Peccato, dunque, che la stessa non sia stata riportata anche nel cd audio che correda il pacchetto ed il cui valore, tuttavia, è pressocché inutile, considerata l’identità del contenuto rispetto al DVD e la scarsa qualità della registrazione live.

Meglio, dunque, fermarsi ai supporti audio. Occhio che non vede, cuore che non duole!

Scroll To Top