Home > Recensioni > Reĝo Suno: Fucktotum
  • Reĝo Suno: Fucktotum

    Indipendemo records / none

    Data di uscita: 12-10-2019

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Il terzetto salentino Reĝo Suno pubblica il 12 ottobre per Indipendemo records il primo album intitolato “Fucktotum”.

I Reĝo Suno presentano all’ascoltatore un incontro musicale ed un crocevia di idee che interpretano bene la nuova tendenza della Black music, principalmente fatta di declinazioni elettroniche e molteplici spunti ritmici. Il terzetto salentino sembra porsi sulla contemporanea strada stilistica di artisti come Kamasi Washington, The Comet Is Coming, Sons of Kemet, per citarne alcuni, i quali stanno imprimendo ulteriori solchi creativi e punti di vista nella forma jazzistica.

Le suggestioni musicali in “Fucktotum” sono molteplici e spaziano da giochi ritmici hip-hop, drum’ n’bass, breakbeat, ad efficaci incastri tematici e motivici dei fiati che muovono su abili tessiture armoniche delle keyboards. Un sound che contiene uniformità sonora, caratterizzato da irriverenti sferzate e manipolazioni elettroniche del moog e dei samples.
La musica proposta dai Reĝo Suno è un flusso di idee continuo che cambia e sovrappone le intenzioni portando avanti un discorso ossessivo e lirico allo stesso tempo. Non mancano le citazioni musicali e la presenza di una ben interpretata cover del capolavoro “All Alone” di Mal Waldron.

Le nove tracce di “Fucktotum” conducono l’ascoltatore in un percorso evocativo di intimità riflessiva e carnale, dal carattere urbano e dai tratti allucinati.
Quella dei Reĝo Suno è sicuramente una valida dichiarazione di intenti, tre espressioni che dialogano assieme in un connubio tra radici e sperimentazioni.

 

Pro

Contro

Scroll To Top