Home > Recensioni > Requiem For Paola P.: Tutti Appesi

I paladini del buon senso a colpi di rock

Se volete approfondire il discorso musicale dei Ministri e amate le tematiche contorte e suburbane descritte da Vasco Brondi con le Luci Della Centrale Elettrica, troverete nei Requiem For Paola P. la soluzione alle vostre ricerche.

I componenti si aggirano tra le nebbie di Bergamo e Milano, pubblicando il loro secondo lavoro e acquistando una certa maturità grazie ai valori profondi ricercati nei testi, che rendono “Tutti Appesi” un buon punto di partenza in prospettiva futura.

I Requiem For Paola P., che hanno avuto l’onore di dividere il palco con gruppi del calibro di Marlene Kuntz e Il Teatro Degli Orrori, incominciano a lasciare impronte a colpi di rock e… buon senso.

In un video su youtube, dove si autointervistano, i Requiem for Paola P. si lamentano dell’attuale società che naviga trà banalità e poco rispetto, invitando, con testuali parole, le persone ad “asciugare le loro coscienze contro i nostri cuori”.
Se la mettono così, siete disposti a prendere questo loro ultimo progetto come una spada e unirvi alla loro battaglia?

Ancora una volta gli sforzi di un’autoproduzione danno i loro frutti, ripagando le fatiche di questi baldi giovani che sfogano tutto il loro rock contro Paola P., che alla fine pensiamo di aver capito chi sia, e voi?

Pro

Contro

Scroll To Top