Home > Recensioni > Revglow: 9th Chrysalis
  • Revglow: 9th Chrysalis

    Revglow

    Loudvision:
    Lettori:

Suoni di crisalide

Apart, Revglow, Francis M.Gri. Tre progetti differenti di un musicista la cui poliedricità ha generato la nascita dell’etichetta KrysaliSound. Il giovane Francis proviene dalle atmosfere oscure degli All my Faith Lost ed è cresciuto a pane e port-royal. Del gruppo genovese ha anche remixato il brano “Hermitage pt.3″ .

La sua ultima fatica è “9th Chrisalis” coi Revglow, formazione nata nel 2009. E se con gli Apart Francis si dedica alle atmosfere ambient, nei Revglow le fonde alle tastiere e alla voce della bravissima Lilium (che canta in inglese).
Il duo produce così un album che non lascia indifferenti e si eleva non poco al di sopra di ciò che ascolta l’italiano medio.

“Veils” e “Invisible” sono gemme che non ti aspetti da due italiani che si cimentano con un certo tipo di musica sperimentale. Fioccano i rimandi e le influenze: Massive Attack, Bjork, Album Leaf, Zero 7, Hammock e Bent.
Il problema è proprio questo. Se all’estero tutto sembra esser già stato fatto, in Italia pochi eletti si filano il post trip-hop, che è un po’ post-rock ma si chiama anche ambientronica (se vogliamo essere radical-chic). Possiamo fare quindi ai Revglow tre auguri: diventare giusto un pelo più originali, diventare famosi in Italia dopo un improvviso accrescimento della cultura musicale media del Paese, sfondare all’estero.

Pro

Contro

Scroll To Top