Home > Recensioni > Rhapsody: Legendary Tales
  • Rhapsody: Legendary Tales

    Rhapsody

    Loudvision:
    Lettori:

Il metal approda a Hollywood

Nel bene o nel male, purché se ne parli. Questo potrebbe sembrare il motto dei Rhapsody, gruppo triestino che grazie ai propri eccessi è riuscito a esportare il metal italiano in tutto il mondo, compiacendo gli animi guerrieri risvegliati dalla saga di Algalord, messa in musica e parole dalla coppia Turilli/Staropoli (chitarra/tastiere) e supportata dalla voce dell’ex-Labyrinth Fabio Lione, un’altra delle figure che in più di una circostanza ha contribuito alla definizione di quello che nel resto d’Europa è stato chiamato Italian Metal. Come ogni fenomeno che scoperchia e rivela al mondo un calderone in ebollizione, anche i Rhapsody hanno suscitato grande odio in buona parte della scena, oltre che grande amore e devozione nei propri fan più accaniti, conseguenza inevitabile per chi decide di rendere accessibile alle masse una rielaborazione di elementi che per alcuni potrebbe risultare fin troppo banale.
Orchestrazioni pompose, tanto tronfie quanto immediate, si uniscono a uno speed metal che fa di doppia cassa, riff al fulmicotone e fughe tastieristiche i propri punti di forza. Il risultato, condito da testi che si ispirano all’immaginario fantasy più popolare e da cori che non dimenticano mai di cercare la partecipazione dell’ascoltatore, è davvero sorprendente e addirittura irresistibile per gli amanti delle sonorità e delle tematiche coinvolte, che per la prima volta si trovano di fronte a un’esaltazione senza compromessi della più volte ipotizzata unione tra metal, sinfonia e fantasy, nel contempo eccessiva – a tratti pacchiana – e immediata, inevitabilmente genitrice di un forte contrasto amore/odio che, come si diceva in apertura, ha sempre accompagnato la carriera dei Rhapsody senza essere per questo mai rinnegato.
Senza nulla togliere a pezzi dal grande impatto come “Warrior Of Ice” e “Land Of Immortals”, che andranno a costituire fin da subito la forte base di classici del gruppo, l’importanza di questo disco va ben oltre quella dei pezzi che vi sono inclusi.

Scroll To Top