Home > Recensioni > Rhapsody: The Magic Of The Wizard’s Dream

Rhapsody: The Magic Of The Wizard’s Dream

I Rhapsody parlano italiano

I Rhapsody si avvalgono della figura di Christopher Lee anche per il secondo singolo correlato al ritorno in grande stile “Symphony Of Enchanted Lands II”, dopo l’EP apri pista “The Dark Secret”, sulla cui copertina campeggiava l’enorme faccione del noto attore inglese. In questo caso la pubblicizzatissima partnership porta il Saruman del Signore degli Anelli a prestare il suo lirismo alla sympho-ballad “The Magic Of The Wizard’s Dream”, un classico pezzo in cui emerge l’evocativa dolcezza del Rhapsody-style accoppiata alla pomposità dei cori accompagnati da orchestra. La voce di Christopher Lee compare a donare una solidità che in un primo momento appare addirittura spropositata e poco consona ai sussurri di Fabio Lione, per un duetto che non resterà di certo negli annali della musica, se non forse per la curiosità suscitata dalla buona prova con la lingua italiana in cui si cimentano i Nostri, compreso l’ospite speciale, nel corso della seconda traccia.
Ultima attrattiva di un disco che contiene ben due tracce tratte dall’ultimo studio album è “Lo Specchio D’Argento”, una sorta di filastrocca medievale che vede i Rhapsody all’opera sulla lunga distanza con uno stile spesso relegato a semplici intermezzi. Una classica chicca gradevole da b-side. Da non dimenticare infine la versione digipack in cui è possibile trovare questo EP, all’interno della quale un’altra nuova canzone e un paio di ulteriori versioni della title track vanno a completare un disco ancora più corposo.

Scroll To Top