Home > Rubriche > Ricette dal cinema > Ricette dal Cinema: pancakes tra le pagine della nostra vita

Ricette dal Cinema: pancakes tra le pagine della nostra vita

Correlati

Non sono una persona speciale, sono un uomo normale con pensieri normali e ho vissuto una vita normale. non ci sono monumenti dedicati a me e il mio nome presto sarà dimenticato. Ma in una cosa sono riuscito in maniera eccezionale: ho amato una donna con tutto il cuore e tutta l’anima e per me questo è sempre stato sufficiente.

Le pagine della nostra vita (The Notebook) è un film del 2004 diretto da Nick Cassavetes e tratto dall’omonimo romanzo di Nicholas Sparks.

Duke (James Garner) e Allie (Gena Rowlands) sono ospiti in una casa di riposo: la donna non riconosce gli altri ospiti ma, dietro consiglio della sua infermiera, accetta che Duke le legga una storia da un vecchio diario in suo possesso.

All’inizio di giugno del 1940 arriva a Seabrook, nella Carolina del sud, la giovane ereditiera Allison Hamilton (Rachel McAdams) per trascorrere le vacanze estive. Una sera al luna park Noah Calhoun (Ryan Gosling), operaio alla segheria, la vede assieme alla fidanzata del suo amico e ne rimane subito abbagliato, cercando in tutti i modi di strapparle un appuntamento. Dopo un inizio turbolento, in breve i due si innamorano e diventano inseparabili.

[Duke] L’estate del sud è insensibile alle prove che deve superare un giovane amore. Armati di timori e di dubbi Noah ed Allie offrivano un ritratto particolarmente convincente di due ragazzi che si erano avviati su una lunga strada senza pensare alle conseguenze
[Allie] Si erano innamorati vero?
[Duke] Si certo
[Allie] Bene, le storie così mi piacciono. Continua


Agli occhi del padre della ragazza la storia non è che un amore estivo e passeggero, mentre la madre è seriamente preoccupata per ciò che sta accadendo.
Una sera Noah decide di mostrare ad Allie una casa abbandonata in mezzo ad una piantagione in riva al lago: il suo desiderio è di poterla comprare e sistemare, Allie gliela descrive come una casa bianca con imposte blu, un enorme portico dove prendere il tè e una stanza per lei affacciata sul lago per dipingere.

Dopo essere rientrata alle due di notte Allie ha una lite furiosa con la madre che le proibisce di vederlo perché di rango sociale inferiore, appoggiata poi anche dal marito.
Noah, sentendoli dalla stanza a fianco, esce di casa ma viene raggiunto da Allie: i due ragazzi litigano fino a lasciarsi perché lui si è reso conto che non hanno futuro, lei deve andare all’università a New York e lui non potrà mai darle ciò che merita.
Il giorno seguente Allie si sveglia trovando tutti i bagagli pronti per la partenza appositamente anticipata di una settimana, obbligandola ad andarsene senza permettere un chiarimento.

Noah inizia a scriverle ogni giorno una lettera d’amore, 365 lettere che non raggiungono Allie perché intercettate dalla madre. Non ricevendo alcuna risposta pensa che la ragazza non lo voglia più e scrive un’ultima lettera di addio prima di arruolarsi nell’esercito per l’imminente guerra in Europa.

Nel frattempo Allie frequenta l’università a New York e al terzo anno decide di adoperarsi come infermiera volontaria nel campo, cercando il volto di Noah in ogni ferito che cura.
Conosce così Lon Hammond Jr. (James Marsden) che la invita ad un appuntamento mentre è ancora tutto malconcio sulla barella.
Una volta guarito Lon rintraccia Allie e i due escono insieme: molto velocemente Allie si innamora del ragazzo che risulta essere un giovane avvocato del sud discendente in un’importante famiglia e spaventosamente ricco.
Come prevedibile i genitori accolgono il ragazzo con tutti gli onori e i due giovani si fidanzano, nonostante lei veda il volto di Noah subito dopo aver detto sì a Lon.

Finita la guerra Noah torna dal padre che ha messo in vendita la loro casa e ha già preso accordi con la banca per un prestito finalizzato all’acquisto e alla ristrutturazione della casa abbandonata della piantagione.

Quando Noah va a Charleston per farsi approvare i progetti di ristrutturazione vede Allie per strada, scende di corsa dall’autobus per rincorrerla ma la vede baciare Loan attraverso la vetrata di un ristorante: in quel momento si mette in testa che se restaurerà la vecchia casa lei troverà il modo di tornare da lui.
Quando il padre di Noah muore poco dopo, la casa è tutto quello che gli rimane, ci lavora giorno e notte con costanza e abnegazione. Una volta sistemata come la desiderava Allie la mette in vendita, ma non accetta le offerte che gli propongono: nessuna è all’altezza dei sentimenti di quella casa.

A Charleston, intanto, Allie vede sul giornale la foto di Noah con la casa ristrutturata mentre è con tutte le amiche in atelier a provare l’abito da sposa: decide di tornare a Seabrook, comunica al fidanzato di aver bisogno di alcuni giorni solo per lei ma lo rassicura che non è in pericolo il matrimonio, lui si dichiara d’accordo col viaggio e la lascia andare sereno.

Vedere Noah la sconvolge e le fa riaffiorare i sentimenti del passato, agitandola così tanto da farle buttare giù la staccionata con l’auto. Il ragazzo la invita in casa per prendere un tè e lei gli racconta di Lon confidandogli di amarlo molto. I due ragazzi cenano insieme per poi raccogliersi in veranda leggendo poesie

[Allie] Era proprio vero non credi? Io e te tanto tempo fa, eravamo solo bambini, ma ci amavamo sul serio noi due vero?


L’indomani Allie torna da Noah che la porta lungo il fiume in mezzo a centinaia di papere bianche a cui danno da mangiare ma inizia a piovere mentre stanno rientrando con la barca sul fiume.

Scesi sul pontile in mezzo all’acquazzone lei lo accusa di non avergli scritto, che per lei non era finita e l’ha aspettato per sette anni, ora era troppo tardi. Scopre quindi che Noah gli ha scritto una lettera ogni giorno per un anno e che per lui non è finita nemmeno ora.
Sotto la pioggia scrosciante i due iniziano a baciarsi e passano la notte insieme nella casa sistemata per loro. Allie si trasferisce nella casa sul lago per i restanti due giorni a Seabrook dove Noah le fa anche trovare la stanza per dipingere.
Il secondo giorno la madre la raggiunge per avvisarla che Lon sta venendo da lei dopo aver saputo dal padre la storia passata di Noah. Dopo un duro scontro la madre le racconta del suo amore giovanile per un abitante di Seabrook, con cui era anche scappata, e del rimpianto che prova nonostante ami il padre di Allie e non sappia più com’è l’uomo che amava un tempo. Le da quindi tutte le lettere dicendole, con sincero affetto, “spero che tu faccia la scelta giusta”

[Noah] Smettila di pensare a cosa vogliano gli altri, a cosa voglio io, a cosa vuole lui, a cosa vogliono i tuoi. Tu che cosa vuoi?
[Allie] Non è così semplice
[Noah] Tu che cosa vuoi? Tu. Cosa vuoi? Dimmelo. Tu che cosa vuoi?
[Allie] Io devo andare.


Alla casa di riposo Duke si interrompe la lettura con un “e vissero felici e contenti” portando Allie ad una cena a lume di candela per due al tramonto di fronte al lago.

Chi visse felice e contento? Come? E soprattutto, chi sono i nostri anziani nella casa di riposo? Perchè leggono questa storia?

[Noah] L’amore più bello è quello che risveglia l’anima e che ci fa desiderare di arrivare sempre più in alto, quello che incendia il nostro cuore e porta la pace nella nostra mente. Questo è quello che mi hai dato ed è quello che speravo di darti per sempre.

Durante il film si vedono diversi pasti che contraddistinguono i momenti di svolta: una colazione alle dieci di sera col padre di Noah, quando quest’ultimo conosce per la prima volta la ragazza e per farla sentire a suo agio propone pancakes serali; un pranzo domenicale all’aperto con i genitori e amici di Allie, in cui la posizione sociale di Noah risulta chiaramente troppo inferiore e il loro viene etichettato come semplice amore estivo; la cena in un sontuoso ristorante con band dal vivo al momento del fidanzamento tra Allie e Lon, con enorme felicità dei genitori di lei; la più intima cena nella casa sul lago tra Noah e Allie una volta rincontrati; la cena a lume di candela in casa di riposo tra Duke e Allie, per farli ritrovare.

Per questa puntata di Ricette dal Cinema ho deciso di proporvi il piatto che più mi sa di casa e affetto, di amore e condivisione, di quelli presentati nei vari momenti del film: i pancake, ma in versione salata con il Salmone e dolce con lo Zabaione all’aceto balsamico.

Grembiuli a noi, iniziamo!

Ricette dal Cinema - merenda

Pancake al Salmone
Ingredienti
180 g di farina 00
1 cucchiaino e 1/4 di bicarbonato
sale
3 uova a temperatura ambiente
125 g di formaggio fresco
250 ml di latte
salmone affumicato
capperi dissalati
finocchietto
panna acida

Iniziamo sbattendo in una ciotola i tuorli insieme al latte con una frusta a mano unendo poi la farina e il bicarbonato setacciati e amalgamando fino ad ottenere un impasto liscio.
Aggiungiamo il formaggio fresco incorporandolo bene con le fruste elettriche. aggiustiamo di sale. Montiamo gli albumi a neve e incorporiamoli mescolando delicatamente dal basso verso l’altro per non smontare.
In un padellino antiaderente ben caldo lasciamo fondere un fiocchetto di burro e poi versiamo un mestolino di pastella stendendolo a disco. Cuociamo il pancake da entrambi i lati senza farlo colorire troppo. Proseguiamo fino a terminare tutta la pastella.
Serviamo i pancake caldi insieme a salmone affumicato, la panna acida, i capperi dissalati e il finocchietto, tutto a piacere. Possiamo comporli come una lasagna oppure sistemare gli ingredienti in cima a due o tre pancake sovrapposti.

Pancake integrali allo Zabaione

Ingredienti per i pancakes
2 uova
120 g di farina integrale
30 g di burro
200 g di latte intero
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
25 g zucchero a velo

per lo zabaione 
2 tuorli
1 cucchiaio di zucchero di canna
Porto
Aceto Balsamico Tradizionale

 

Iniziamo sgusciando le uova e separando i tuorli dagli albumi.
In una ciotola sbattiamo i tuorli con la frusta assieme al latte, al burro fuso e al sale.
Aggiungiamo la farina e il lievito setacciandoli e amalgamiamoli bene al compasto di uova. A parte montiamo a neve non troppo ferma gli albumi con lo zucchero a velo per poi incorporarli delicatamente all’impasto per non smontare il tutto.

Scaldiamo un padellino antiaderente, ungiamolo leggermente con una noce di burro e iniziamo versandone un mestolino. L’impasto si allargherà ma noi aiutiamolo ad assumere una forma rotonda.Cuciniamolo fino a che prende colore, poi giriamolo e facciamo lo stesso dall’altro lato.

Nel frattempo prepariamo lo zabaione.
Mettiamo sul fuoco una casseruola con un po’ d’acqua sul fondo e scaldiamola per cucinare i tuorli a bagnomaria. Sbattiamoli con la frusta mentre il vapore scalda il fondo della ciotola contenente le uova. Poco alla volta aggiungiamo lo zucchero di canna continuando a mescolare con la frusta fino a che l’impasto sarà spumoso e chiaro. aggiungiamo un cucchiaino di porto e mescoliamolo bene. per ultimo mettiamo il cucchiani di aceto balsamico.
Impiattiamo impilando i pancake caldi alternandoli ad una cucchiaiata generosa di zabaione.

Ricette dal cinema bon appetit - merenda

Scroll To Top