Home > Rubriche > Ricette dal cinema > Ricette dal Cinema: pomodori verdi fritti con salsa allo yogurt

Ricette dal Cinema: pomodori verdi fritti con salsa allo yogurt

[Ed - al telefono pubblico] Pronto, Clinica Rose Hills? Ehhh Senta, io sono Ed Couch e ho una zia ricoverata nella vostra clinica. Sì sì sì, Vesta si chiama, Vesta. No no no, non ci voglio parlare al telefono, stiamo venendo a trovarla. Ecco, io avrei bisogno di un’informazione perché mi sono perso e non lo so dove mi trovo. È un deserto. Ci sono le rotaie del treno e c’è un caffè abbandonato…. sì sì sì…
[Rumore di treno in passaggio, riflesso sul vetro e movimento di aria]
[Evelyn] Tu hai sentito?
[Ed] Cosa?
[Evely] Il treno
[Ed] No, non ho sentito niente
[Evelyn] oh Forse non era niente..
[Ed] Dov’è Whiste stop sulla mappa?
[Evelyn] Io non lo vedo…
[Ed] Perché mi hai detto di girare a destra 20 km più indietro? Tu non hai nessun senso dell’orientamento!
[Evelyn] Mi dispiace. Oh Ed, tua zia sarà delusa dal nostro ritardo, sarà stata lì ad aspettare questa visita tutta la settimana, povera dolce zietta.
Pomodori verdi fritti alla fermata del treno (Fried Green Tomatoes) è un film drammatico del 1991, diretto da Jon Avnet e basato sul libro di Fannie Flagg Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop che curerà anche la sceneggiatura del film stesso.
Mentre col marito Ed [Gailard Sartain] si trova alla casa di riposo per trovare la zia acquisita, Evelyn [Kathy Bates] fa conoscenza con Ninny [Jessica Tandy] una simpatica vecchina che inizia a raccontarle la storia dell’amicizia tra Idgie [Mary Stuart Masterson] e Ruth [Mary Louise Parker] che nel cuore dell’Alabama degli anni Trenta ebbero il coraggio di ribellarsi alla prepotenza maschile e al razzismo.
Dopo la tragica morte del fratello la piccola Idge si allontana dalla famiglia crescendo quasi come selvaggia per evitare di legarsi troppo ad altre persone e prendendo a frequentare ambienti poco rispettabili. Solo il fedele lavorante di colore Big George [Stan Shaw] riesce a rimanere vicino alla ragazza nel tempo e a proteggerla. Preoccupata per la situazion,e la madre rintraccia Ruth, fidanzata del figlio deceduto tragicamente, per cercare di riportare Idge sulla buona strada. Dopo esser stata messa alla prova, Ruth conquista la fiducia e l’amicizia di Idge fino a quando le comunica di essere prossima al matrimonio: la nuova perdita di un grande affetto porterà la ragazza ad allontanarsi ancora, ma senza farlo completamente. Pochi anni dopo, infatti, Idge si reca in Georgia a trovare l’amica dove scopre che il marito la picchia: questa situazione porterà ad una svolta e, nonostante sia incinta, Ruth se ne andrà assieme a Idge tornando a Whistle Stop dove le due inizieranno a gestire il Cafè con l’aiuto di Big George e della sua famiglia.
I pomodori verdi fritti, il barbecue e la torta di ciliegie sono i piatti forti del caffè che accoglie clientela di tutti i tipi, comprese persone di colore che, a causa delle leggi vigenti, vengono servite fuori dal locale attirando le ire dei membri locali del Ku Klux Klan. Un omicidio sconvolgerà la cittadina e le vite delle protagoniste: cosa succederà al Cafè e alle vite che si intrecciano in esso?

 

[Ninny] È incredibile come un posto come quello abbia visto intrecciarsi i destini di tante persone così diverse

 

Quattro donne, quattro storie e due generazioni a confronto in questa meravigliosa storia d’amicizia e anticonformismo e di coraggio tutto al femminile.
 
[Ninny] Sai qual è la cosa più importante per me, quella che conta davvero? L’amicizia, l’amicizia di amici sinceri.
Il cibo, la sua preparazione e il suo consumo sono momenti chiave del film. Evelyn è inizialmente ossessionata dalle barrette di cioccolato che le permettono di annegare la sensazione di solitudine e inutilità del suo ruolo di moglie completamente trascurata nonostante gli sforzi per accontentare il marito, che in un gesto di costante superficialità rientra da lavoro per mettersi sempre a mangiare sulla poltrona guardando la partita in tv: man mano che il personaggio si riappropria della sua personalità e della sua vita il cibo spazzatura viene sostituito da verdure più salutari sia per lei che per il marito. In un gesto di dolcezza, cura e dimostrazione di sincero affetto Evelyn prepara per Ninny, nel giorno del suo compleanno, i pomodori verdi fritti che tanto adora e che mangiava da ragazza al Whistle Stop Cafè.
Tornando indietro nel tempo vediamo Idge e Ruth giocare lottando in cucina in mezzo a farina, acqua, more e cioccolato, in una scena che fa pallidamente percepire il reale rapporto tra le due donne che nel film rimane solo a livello di profonda amicizia rispetto a quello d’amore descritto nel libro.
Big George si occupa della cottura del barbecue e dello spezzatino per il Cafè e la festa del paese, con una sorpresa e un segreto.

 

Per questa puntata di Ricette dal Cinema che ne dite di preparare insieme proprio i pomodori verdi fritti accompagnandoli con una salsa allo yogurt e aglio da consumare con un’insalata verde?
 Ricette dal Cinema
Ecco gli ingredienti:
3 grossi pomodori verdi
sale
1 tazza di farina 00
1/2 tazza di latte
1 uovo
1/3 di tazza di farina di mais
1/2 tazza di pangrattato
olio vegetale
 
Per la salsa:
300 gr di yogurt greco
2 cucchiai di erbe fresche a scelta tra basilico, prezzemolo, menta e coriandolo
2 cetriolini sott’aceto
Succo di 1/2 limone
Olio EVO q. b.
1 spicchio d’aglio (nero per un gusto più delicato)
1 cucchiaino di cumino
Sale e pepe q.b.
 
Iniziamo con la preparazione della golosa salsa di yogurt all’aglio. Laviamo le erbette e asciughiamole bene per poi tritarle finemente.
Andiamo poi a tritare finemente anche l’aglio, subito dopo averlo sbucciato.
Scoliamo i cetriolini e tagliamoli finemente.
Mettiamo il tutto in una ciotola aggiungendo al composto il cumino in polvere amalgamando il tutto con cura e spremendovi all’interno anche un mezzo limone. Terminiamo aggiungendo lo yogurt e uno o due cucchiai di olio, aggiustando di sale e pepe e mescolando fino ad ottenere una salsa densa e cremosa.
Lasciamo riposare per almeno trenta minuti per far in modo che gli ingredienti si fondano tra loro, durante i quali possiamo passare alla preparazione dei pomodori.
Tagliamo i pomodori a fette spesse 1 cm e saliamoli per far fuoriuscire l’acqua in eccesso. Mescoliamo latte e uovo in una ciotola, a parte uniamo le farine e il pangrattato. Saldiamo l’olio in una pentola larga. Procediamo immergendo le fette di pomodori nella ciotola con latte e uovo per poi impanarli. Friggiamo nell’olio caldo per 3-5 minuti finché saranno dorati e croccanti.

 

 

 e ricordateRicette dal Cinema: “il segreto è nella salsa”
Scroll To Top