Home > Recensioni > Rihanna: Good Girl Gone Bad
  • Rihanna: Good Girl Gone Bad

    Rihanna

    Data di uscita: 30-05-2007

    Loudvision:
    Lettori:

È nata una stella

Era sempre stata considerata poco più di una ragazzina che cantava movimentate hit da discoteca e che nel giro di qualche anno sarebbe finita nel dimenticatoio con le sue tante amichette; il 29 marzo 2007 però esce “Umbrella” e cambia le carte in tavola, anticipando quello che sarà tra i dischi più venduti del 2007, 2008 e anche del 2009.

Rihanna aggiunge alle precedenti sonorità pop/dance uno stile urban e r’n’b che ci regala un disco maturo, completo e di netta svolta nella sua carriera; un’affermazione contenuta già nel titolo, che dice “ora basta scherzare, faccio sul serio”, e ribadita con il drastico cambio di look: capelli molto corti, immagine sofisticata e smaccata sensualità.

Quando tutti ci aspettavamo l’ennesimo album pop di durata bimestrale, Rihanna ci ha sconvolto con un album denso di emozioni ma allo stesso tempo spensierato e glamour; dalle dodici tracce ne riesce a trarre otto singoli di successo, che la trasformano da giovane Lolita a pop-idol.
“Good Girl Gone Bad” rappresenta una svolta drastica di Rihanna sotto tutti i punti di vista; unica caduta di stile, la riproposizione dell’album nel corso del biennio 2007/2008 in infinite versioni: Deluxe, Reloaded, Remixes, Tour etc.

Pro

Contro

Scroll To Top